1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
testata per la stampa della pagina

EMERGENZA CORONAVIRUS. COMUNICATI STAMPA FEBBRAIO MARZO

 
 
 

31-03-20 Emergenza Coronavirus,buoni spesa per le famiglie in difficoltà. Richieste a partire da domani 1aprile 2020

Da domani 1 aprile 2020sarà possibile fare richiesta per ottenere i buoni spesa finanziati dai fondistatali e regionali a sostegno dei nuclei familiari più esposti agli effetti economiciderivanti dall'emergenza Coronavirus.

Per accedere ai buoni è necessario compilare il modulo on line al link: https://forms.gle/MtDSBimqbzD8vUKA7

E’ possibile compilare esclusivamente una domanda per nucleo familiare.

Avrà la priorità chi non è già assegnatario di sostegno pubblico (reddito dicittadinanza, cassa integrazione, indennità di disoccupazione…)

Una volta inviata la richiesta, gli utenti saranno richiamati telefonicamentedai servizi sociali del Comune per una breve intervista volta a comprendere lereali necessità della persona o del nucleo familiare. I buoni spesa, erogati una tantum per un valore massimodi 500 euro (fino a 300 euro per i nuclei familiari composti da 1 o 2 persone;fino a 400 euro per i nuclei di 3 o 4 persone; fino a 500 euro per i nuclei di5 o più persone), saranno consegnati su appuntamento per evitare assembramenti.Al momento del ritiro, l’utente dovrà firmare un’autocertificazione che potràessere oggetto di verifiche da parte delle autorità competenti.

“Da domani sarà possibile richiedere i buoni spesa tramite ilmodulo disponibile on line – dichiara il Sindaco Adriano Zuccalà – E a breveattiveremo il NUMERO UNICO D’EMERGENZA a cui sarà possibile telefonare per chinon ha accesso al web. Il Comune di Pomezia ha a disposizione circa 668.000euro di fondi statali e regionali (414.000 + 254.000) da destinare ai buonispesa per le persone del territorio più in difficoltà e colpite dall’emergenza incorso. A loro dico: siamo al vostro fianco e non vi lasceremo soli”.

“Un ringraziamentodoveroso all’Ufficio dei Servizi Sociali e agli operatori – conclude l’AssessoreMiriam Delvecchio - che stanno lavorando senza sosta in un momento di grandedifficoltà per tutti”.

31-03-20 Emergenza Coronavirus,buoni spesa per le famiglie in difficoltà. Richieste a partire da domani 1aprile 2020

Da domani 1 aprile 2020sarà possibile fare richiesta per ottenere i buoni spesa finanziati dai fondistatali e regionali a sostegno dei nuclei familiari più esposti agli effetti economiciderivanti dall'emergenza Coronavirus.

Per accedere ai buoni è necessario compilare il modulo on line al link: https://forms.gle/MtDSBimqbzD8vUKA7

E’ possibile compilare esclusivamente una domanda per nucleo familiare.

Avrà la priorità chi non è già assegnatario di sostegno pubblico (reddito dicittadinanza, cassa integrazione, indennità di disoccupazione…)

Una volta inviata la richiesta, gli utenti saranno richiamati telefonicamentedai servizi sociali del Comune per una breve intervista volta a comprendere lereali necessità della persona o del nucleo familiare. I buoni spesa, erogati una tantum per un valore massimodi 500 euro (fino a 300 euro per i nuclei familiari composti da 1 o 2 persone;fino a 400 euro per i nuclei di 3 o 4 persone; fino a 500 euro per i nuclei di5 o più persone), saranno consegnati su appuntamento per evitare assembramenti.Al momento del ritiro, l’utente dovrà firmare un’autocertificazione che potràessere oggetto di verifiche da parte delle autorità competenti.

“Da domani sarà possibile richiedere i buoni spesa tramite ilmodulo disponibile on line – dichiara il Sindaco Adriano Zuccalà – E a breveattiveremo il NUMERO UNICO D’EMERGENZA a cui sarà possibile telefonare per chinon ha accesso al web. Il Comune di Pomezia ha a disposizione circa 668.000euro di fondi statali e regionali (414.000 + 254.000) da destinare ai buonispesa per le persone del territorio più in difficoltà e colpite dall’emergenza incorso. A loro dico: siamo al vostro fianco e non vi lasceremo soli”.

“Un ringraziamentodoveroso all’Ufficio dei Servizi Sociali e agli operatori – conclude l’AssessoreMiriam Delvecchio - che stanno lavorando senza sosta in un momento di grandedifficoltà per tutti”.

 
 

31-03-20Famiglie in difficoltà, la Croce Rossa distribuisce 88pacchi alimentari

88 pacchi alimentari sono stati distribuiti nella giornata dioggi ai nuclei familiari in difficoltà seguiti dai servizi sociali di Pomezia.La distribuzione, gestita direttamente dal Comune, è stata possibile graziealle donazioni di alcune aziende del territorio che hanno messo a disposizionelocali per lo stoccaggio e generi alimentari.

“Voglio ringraziare innanzitutto la Croce Rossa di Pomeziaper il grande lavoro che sta svolgendo in questi giorni – dichiara l’AssessoreMiriam Delvecchio – E tutte le aziende del territorio che si sono messe alservizio della nostra comunità contribuendo al sostegno delle famiglie più indifficoltà”.

I cittadini che vogliono contribuire alla raccolta di generialimentari possono farlo donando direttamente all’interno dei supermercati chestanno allestendo zone riservate alle donazioni. I volontari della Croce Rossapasseranno a ritirare il materiale e provvederanno alla distribuzione per lefamiglie che ne hanno bisogno.

“Nei giorni scorsi ho scritto a tutti i supermercatiinvitandoli a contribuire direttamente alla raccolta di alimenti per lefamiglie in difficoltà – aggiunge il Sindaco Adriano Zuccalà – Il Comune è inprima linea nel rispondere a questa emergenza nell’emergenza: nessuno deve sentirsiabbandonato. Con la distribuzione degli 88 pacchi alimentari di oggi abbiamodato una prima risposta alle famiglie e alle persone più bisognose già seguitedai nostri servizi sociali. Con i fondi in arrivo da Governo e Regione potremorispondere in maniera più strutturata a chi si trova oggi, anche a causa dell’emergenzain corso, in forte difficoltà”.

Chiunque volesse contribuire alla raccolta e alladistribuzione dei pacchi alimentari può scrivere direttamente alla Croce Rossadi Pomezia all’indirizzo mail: emporiosolidale@crocerossapomezia.it

Si ringraziano: Azienda agricola Romano Zecchi, AgriturismoTonelli, Colavita, Coldiretti, Gilgamash - parco di Enea, Panificio Tosoni, Villadi Venere

 
 

31-03-20Aggiornamento Coronavirus, nessun nuovo caso aPomezia. Aumentano i concittadini guariti

Situazione stabile a Pomezia, dove non si registrano nuovicasi di positivi al Covid 19. I casi accertati, ad oggi, sono 35, di cui 20 inisolamento domiciliare e 5 presso strutture sanitarie, 8 guariti, 2 deceduti. Sono80 le persone poste in via precauzionale in isolamento domiciliare (nonpositive) di cui 54 in uscita nei prossimi 7 giorni (salvo nuovi aggiornamenti).

“Oggi abbiamo osservato un minuto di silenzio in ricordodelle persone che in queste settimane ci hanno lasciato – commenta il SindacoAdriano Zuccalà – e a sostegno di quanti - medici, infermieri e operatorisanitari – lavorano quotidianamente per salvare vite umane. Soprattutto perloro è necessario continuare a rispettare le prescrizioni del Governo erimanere a casa”.

 
 

31-03-20 Pomezia istituisce due fondi per l’emergenza Covid-19: stanziati oltre 700mila euro. Stop pagamento tributi e servizi locali

La Giunta comunale di Pomezia ha deciso di riapprovare in Giunta il Bilancio di Previsione 2020-22 per garantire i primi interventi di contrasto all’emergenza COVID-19.

Nello specifico, sono stanziati:
•    360mila euro per interventi di emergenza, sanificazione e pulizia, smaltimento dei rifiuti speciali;
•    114mila euro di incremento del fondo di riserva per altre spese urgenti e straordinarie;
•    250mila euro di copertura economica per le nostre società partecipate per i servizi delle farmacie comunali e socio-assistenziali.

Per contrastare le ripercussioni che l’emergenza legata al Covid-19 sta generando sull’economia nazionale e locale, la Giunta comunale ha sospeso gli adempimenti tributari legati al versamento dei seguenti tributi e servizi locali, differendolo alla data indicata per l’adempimento come di seguito:
- TARI: quanto dovuto per l'acconto 2020 in scadenza al 30 aprile, viene posticipato al 30 giugno 2020. La misura si intende operativa per le utenze domestiche e le utenze non domestiche.
- IMPOSTA DI SOGGIORNO: gli incassi conseguiti nei mesi da febbraio a luglio 2020, si intendono rateizzati automaticamente e verranno riversati in tre rate di pari importo il giorno 15 dei mesi di settembre, ottobre, e novembre 2020.
- PIANI DI RATEIZZAZIONE (anche ICP e TOSAP): regolarmente autorizzati, le cui rate risultano in scadenza nel periodo compreso tra il 9 marzo e il 31 maggio 2020, si intendono rateizzati automaticamente e verranno riversati in quattro rate di pari importo il giorno 30 dei mesi di giugno, luglio, agosto e settembre 2020.
- MENSA SCOLASTICA: nulla è dovuto per i singoli pasti non usufruiti.
- TRASPORTO SCOLASTICO: riduzione della retta fissa per quanto non usufruito e voucher/restituzione di quanto già pagato (si pagano solo i giorni usufruiti).
- ASILI NIDO COMUNALI: riduzione della retta fissa per quanto non usufruito e voucher/restituzione di quanto già pagato (si pagano solo i giorni usufruiti).
- PARCHEGGI A PAGAMENTO: sospesi.

“Abbiamo destinato all’emergenza Covid-19 oltre 700mila euro – ha spiegato l’Assessore Stefano Ielmini –rispettando il principio di equilibrio economico-finanziario del Bilancio. Si tratta di un plafond di risorse necessarie per attuare gli interventi che l’Amministrazione comunale intende effettuare per far fronte a tale emergenza sanitaria”.

“Le risorse stanziate nel Bilancio – ha evidenziato il Sindaco Adriano Zuccalà – vanno ad aggiungersi ai fondi stanziati dal Governo Nazionale e dalla Conferenza delle Regioni, che ammontano a circa 660mila euro, e saranno destinate alle esigenze di chi è più in difficoltà. Non solo, in questa fase emergenziale che sta già provocando pesanti ripercussioni, anche economiche, su imprese e famiglie, abbiamo deciso di aiutare i nostri cittadini, sospendendo il pagamento di tributi e servizi comunali. Siamo inoltre già a lavoro sul piano di rilancio per l’economia cittadina, appena finita l’emergenza sarà il momento di lavorare insieme per ripartire nel miglior modo possibile. Comprendiamo le difficoltà del momento e come Amministrazione vogliamo dare un segnale importante della nostra vicinanza”.

 
 

31-03-20 ATTENZIONE: TUTTO QUELLO CHE SI DEVE SAPERE PER L’ACQUISTO DI MASCHERINE nelle FARMACIE COMUNALI

Date le innumerevoli richieste di ieri per l'acquisto di mascherine, di seguito la risposta alle domande più frequenti.
🔹SI POSSONO ORDINARE TRAMITE TELEFONATE ALLE FARMACIE? No. È fondamentale lasciare le linee libere per le attività di gestione della Farmacia, quanto mai necessarie in un periodo come questo.
🔹 SI POSSONO ORDINARE TRAMITE COMMENTI SULLA PAGINA FACEBOOK? No.
🔹 SI POSSONO ORDINARE TRAMITE MESSAGGI PRIVATI? No.
🔹 SI POSSONO ORDINARE TRAMITE WHATSAPP O TELEGRAM? No.
🔹 SI POSSONO ORDINARE CON “PRONTO FARMACO”? Sì.
𝗔𝗧𝗧𝗘𝗡𝗭𝗜𝗢𝗡𝗘, 𝗜𝗠𝗣𝗢𝗥𝗧𝗔𝗡𝗧𝗘!! Ieri, nel momento in cui si sono rese disponibili le mascherine, il servizio è stato fortemente rallentato; per fare in modo che sia utile a tutti abbiamo bisogno della vostra collaborazione. Per questo, nel nostro post di ieri abbiamo richiesto a tutti, per quanto possibile, di “ACQUISTARE SOLO SE E QUANDO SERVE” e pensare alle categorie di persone più a rischio (anziani, individui con patologie).𝙋𝙚𝙧𝙩𝙖𝙣𝙩𝙤, 𝙥𝙚𝙧 𝙢𝙖𝙣𝙩𝙚𝙣𝙚𝙧𝙚 𝙞𝙡 𝙨𝙚𝙧𝙫𝙞𝙯𝙞𝙤 𝙖𝙩𝙩𝙞𝙫𝙤, 𝙙𝙖𝙧𝙚𝙢𝙤 𝙡𝙖 𝙥𝙧𝙞𝙤𝙧𝙞𝙩𝙖̀ 𝙣𝙚𝙡𝙡𝙚 𝙘𝙤𝙣𝙨𝙚𝙜𝙣𝙚 𝙖:
- 𝘾𝘼𝙏𝙀𝙂𝙊𝙍𝙄𝙀 𝘼 𝙍𝙄𝙎𝘾𝙃𝙄𝙊 (𝙖𝙣𝙯𝙞𝙖𝙣𝙞 𝙚 𝙞𝙣𝙙𝙞𝙫𝙞𝙙𝙪𝙞 𝙘𝙤𝙣 𝙥𝙖𝙩𝙤𝙡𝙤𝙜𝙞𝙚)
- 𝘾𝙤𝙣𝙨𝙚𝙜𝙣𝙚 𝙙𝙞 𝙁𝙖𝙧𝙢𝙖𝙘𝙞
- 𝘾𝙤𝙣𝙨𝙚𝙜𝙣𝙚 𝙙𝙞 𝙥𝙧𝙤𝙙𝙤𝙩𝙩𝙞
Si possono ordinare solo ed esclusivamente chiamando il numero 333.6603392 (non sono validi SMS, Whatsapp o messaggi lasciati sulla segreteria telefonica).
Sono valide soltanto le CHIAMATE. Si può chiamare dalle 9 alle 12 dal lunedì al venerdì.
🔸 POSSO VENIRE A COMPRARLE IN FARMACIA? Si. Con calma ed evitando quanto più possibile file ed assembramenti. È il modo migliore per fare in modo che “Pronto Farmaco” sia prontamente disponibile per chi ne ha maggior necessità ed è impossibilitato oggettivamente a muoversi.
🔸 DEVO SBRIGARMI A VENIRE A PRENDERLE? No. Da ieri, c’è un approvvigionamento continuo di questi dispositivi, quindi nei prossimi giorni non mancheranno e avrete possibilità di prenderne ulteriori. Vi chiediamo, scusate la ripetizione, quindi di lasciare spazio nei primi giorni a chi ne ha più bisogno.
🔸 QUALI SONO I PREZZI DELLE MASCHERINE?
Ci sono tre tipologie di mascherine:
- Chirurgiche (usa e getta) € 1,20
- Ffp1 (lavabili) € 3,30
- Ffp2 € 8,00

Le richieste sono state enormi ma continuiamo con gli sforzi di questi giorni, insieme a Croce Rossa Italiana - Comitato di Pomezia e Confraternita Misericordia di Pomezia, per fare in modo che tutti i cittadini di Pomezia ricevano i dispositivi di prevenzione ed assistenza.

 
 

31-03-20 Emergenza Coronavirus, un minuto di silenzio e bandiere a mezz'asta in ricordo delle vittime e in onore del personale sanitario

Il Comune di Pomezia aderisce all'iniziativa lanciata dall'Anci. Oggi alle 12.00 bandiere a mezz'asta sul Palazzo comunale e un minuto di silenzio per ricordare le vittime del coronavirus, per onorare il sacrificio e l’impegno degli operatori sanitari, per abbracciare idealmente tutti, per essere di sostegno l’uno all’altro.

"Abbiamo aderito con convinzione - commenta il Sindaco Adriano Zuccalà - per mostrare la vicinanza delle Istituzioni ai nostri cittadini. Siamo qui e lavoriamo per voi, non vi lasciamo soli in questa battaglia che ci vede tutti in prima fila. Abbiamo osservato un minuto di silenzio in una piazza Indipendenza vuota, segno che tutti voi state rispettando le prescrizioni del Governo. Vi aspetto numerosi non appena potremo riprendere ad uscire di casa a popolare le nostre vie cittadine. Insieme ce la faremo".

 

31-03-20 Emergenza Coronavirus, proroga riconsegna tesserini venatori al 1 giugno 2020

Si informa la cittadinanza che la Giunta Regionale del Lazio, conDeliberazione n° 119 del 24/03/2020, ha prorogato la riconsegna del tesserino venatorio fino alla datadel 1 giugno 2020

 
 

30-03-20 Aggiornamento Coronavirus, ad oggi sono 35 i casi positivi a Pomezia, di cui 6 guariti

Sono 35 ad oggi i casi accertati di Covid 19 a Pomezia. Lo ha comunicato la Asl evidenziando che su 35 casi positivi, 22 risultano essere in isolamento domiciliare e 5 ricoverati presso strutture sanitarie, 6 i cittadini guariti, 2 deceduti. Inoltre, sono 72 le persone poste in via precauzionale in isolamento domiciliare (non positive) di cui 54 in uscita nei prossimi 7 giorni (salvo nuovi aggiornamenti).


“Oggi ci hanno dato la bella notizia di 6 nostri concittadini guariti – dichiara il Sindaco Adriano Zuccalà –. Inoltre, il poliziotto di Pomezia ha iniziato la riabilitazione ed è in costante miglioramento. Un ringraziamento agli operatori sanitari e alle forze dell’ordine per il contributo straordinario che stanno dando in questa fase emergenziale così delicata”.


 

30-03-20 AggiornamentoCoronavirus, in arrivo NUMERO UNICO EMERGENZA

Il Comune di Pomezia ègià al lavoro per organizzare al meglio la struttura che si occuperà dellaricezione e della gestione delle domande di pacchi alimentari e buoni spesa,finanziati con i fondi statali e regionali in arrivo nelle casse comunali. Saràcura dell’Ente comunicare all’intera cittadinanza i requisiti necessari peraccedere agli aiuti.

Nelle prossime ore sarà attivato il NUMERO UNICO D’EMERGENZA che si occuperà dismistare tutte le richieste e le necessità della cittadinanza, fornendo leinformazioni utili a chi ne ha bisogno. Sarà disponibile inoltre un servizio online che consentirà di inviare le richieste via web. 

“Siamo consapevoli che è un momento delicato edifficile per molti nostri concittadini – commenta il Sindaco Adriano Zuccalà –Stiamo lavorando senza sosta per attivare il prima possibile e nella manierapiù semplice le richieste di aiuto alimentare. Sono in arrivo dallo Stato edalla Regione circa 668.000 euro (414.000 + 254.000) che saranno destinatia supportare tutte le persone del territorio più in difficoltà e colpite dall’emergenzain corso. Il Comune di Pomezia è al vostro fianco: nessuno deve rimanereindietro”.

In attesa dell’attivazionedel numero unico, si invitano i cittadini che hanno REALE NECESSITA’ disupporto a contattare il segretariatosociale del Distretto RM 6.4 Pomezia – Ardea al numero 3665651251 dal lunedì al venerdì dalle ore 9.00 alle ore 14.00 eil martedì e giovedì dalle ore 15.00 alle ore 18.00

 
 

30-03-20 Aggiornamento Coronavirus, MASCHERINE: DISPONIBILI IN TUTTE LE FARMACIE COMUNALI

Da questa mattina, in tutte le sei Farmacie Comunali [leggi dove sono --> http://www.farmaciepomezia.it/], sono disponibili le mascherine: chirurgiche, Ffp1 (lavabili) e Ffp2. Ne arriveranno altre, con regolarità, già nei prossimi giorni.

Per gestire al meglio le farmacie hanno stabilito alcune indicazioni per l'acquisto:

🔹 MASSIMO 5 MASCHERINE
La scelta è derivata da due importanti fattori. Il primo è che le Ffp1 sono mascherine lavabili (con disinfettante o in lavatrice a 60°) e quindi possono essere facilmente riutilizzate; il secondo è che il rifornimento alle Farmacie avviene regolarmente.
🔹EVITARE ASSEMBRAMENTI
Come per ogni attività rimasta aperta, è vitale evitare assembramenti. Per questo, ricordiamo che l’iniziativa PRONTO FARMACO è valida per tutti i cittadini. Per cui anche le mascherine possono essere inviate a casa insieme agli altri prodotti acquistabili (farmaci e non).
🔹 ACQUISTARE SOLO SE E QUANDO SERVE
Acquistare più mascherine del necessario non serve e ne limita la disponibilità a persone più a rischio (anziani, individui con patologie). Pensiamo a noi pensando anche agli altri. Infine, è sempre utile ricordare che le mascherine sono solo uno dei modi per prevenire la diffusione del virus, ma lo strumento più importante per limitarlo è quello di rimanere a casa e muoversi solo in casi straordinari.

QUANDO usare mascherine  👉 https://bit.ly/2wOvjIq (Ministero della Salute)

 
 

29-03-20 Aggiornamento Coronavirus, nessun nuovo caso aPomezia.

Nessun nuovo caso a Pomezia comunicato dalla Asl nellagiornata di oggi. Rimangono quindi 34 i concittadini positivi al Covid-19, dicui 27 in isolamento domiciliare e 6 presso strutture sanitarie, 1 deceduto.Inoltresono 73 le persone poste in via precauzionale in isolamento domiciliare (non positivi) di cui 45 in uscita nei prossimi7 giorni (salvo nuovi aggiornamenti).

“Dopo i provvedimenti nazionali e regionali annunciati ieri –dichiara il Sindaco Adriano Zuccalà – siamo già al lavoro per attivare tutti iservizi a supporto delle fasce di popolazione più bisognose e più colpite dall’emergenza.A tutti i miei concittadini dico di non perdere la speranza perché leistituzioni stanno facendo il possibile per uscire quanto prima da questasituazione e ripartire, tutti insieme”.

 
 

28-03-20 Aggiornamento Coronavirus, ad oggi sono 34 i casi positivi a Pomezia 

Sono 34 ad oggi i casi accertati di Covid 19 a Pomezia. La Asl ha comunicato un nuovo caso di un nostro concittadino ricoverato presso struttura ospedaliera. 

In totale risultano 34 casi positivi, di cui 27 in isolamento domiciliare e 6 presso strutture sanitarie, 1 deceduto. Inoltre, sono 57 i cittadini posti in via precauzionale in isolamento domiciliare (non positivi) di cui 41 in uscita nei prossimi 7 giorni (salvo nuovi aggiornamenti).

“Stiamo monitorando la situazione – fa sapere il Sindaco Adriano Zuccalà – mantenendo costanti contatti con le autorità sanitarie competenti. Invito tutti i cittadini a restare in casa e uscire solo in caso di necessità. Le Forze dell’ordine continuano i controlli a tappeto del territorio per verificare che tutti rispettino le prescrizioni del Governo”.

 

27-03-20 Aggiornamento Coronavirus, nessun nuovo caso a Pomezia. Controlli della Polizia Locale con il termoscanner

Situazione stabile a Pomezia, dove non si registrano nuovi casi di positivi al Covid 19. I casi accertati, ad oggi, sono 33, di cui 27 in isolamento domiciliare e 5 presso strutture sanitarie, 1 deceduto. Sono 50 le persone in isolamento domiciliare, di cui 34 che termineranno il periodo di sorveglianza nei prossimi 7 giorni (salvo nuovi aggiornamenti).

Proseguono i controlli a tappeto nel territorio per vigilare sulla corretta osservanza delle prescrizioni del Governo. I nostri agenti della Polizia locale stanno utilizzando il termoscanner nei posti di blocco, che consente di velocizzare i controlli e di monitorare in maniera ancora più efficiente possibili sintomi riconducibili al COVID-19.


 

26-03-20 Aggiornamento Coronavirus, prorogate scadenze assicurazioni veicoli, patenti e revisioni

Si informa la cittadinanza che all'interno del DPCM #CuraItalia recante Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di Sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese, sono riportate alcune disposizioni attinenti la circolazione stradale.

In particolare:
- CIRCOLAZIONE DEL VEICOLO DA SOTTOPORRE A VISITA E PROVA O REVISIONE
Prorogata al 31 ottobre 2020 la scadenza per tutti coloro che avrebbero dovuto fare la revisione del veicolo dal 17 marzo fino al 31 luglio. Per le scadenze previste oltre il 31 luglio la data rimane invariata.
- SCADENZA DELLA VALIDITÀ DELLA PATENTE DI GUIDA
Proroga al 31 agosto 2020 della scadenza di validità per tutti i documenti di riconoscimento e di identità scaduti al momento di entrata in vigore del DL (ovvero in scadenza fino 31 agosto 2020). Tra questi documenti rientra anche la Patente di Guida.
- VALIDITÀ AUTORIZZAZIONI, CONCESSIONI E ATTI IN SCADENZA
Le carte di qualificazione per conducenti di mezzi pesanti e i certificati per trasporto di merci pericolose con scadenza dal 23 febbraio al 29 giugno resteranno validi fino al 30 giugno.
I certificati di abilitazione per taxi e ambulanze in scadenza dal 31 gennaio al 15 aprile dureranno fino al 15 giugno.
- PAGAMENTO DELLE SANZIONI PREVISTE DAL CODICE DELLA STRADA
Per quel che riguarda le infrazioni del Codice della strada, queste si potranno pagare, fino al 31 maggio, con una riduzione del 30% se il pagamento avviene entro 30 giorni dalla contestazione o dalla notifica del verbale.
- PROROGA DEI TERMINI NEL SETTORE ASSICURATIVO
Nessuna sospensione del pagamento dei premi per le assicurazioni RC per i veicoli a motore. Tuttavia fino al 31 luglio, il pagamento del premio assicurativo è stato portato a 30 giorni dopo la scadenza della polizza, invece dei consueti 15 giorni.


Ulteriori disposizioni e approfondimenti sono contenute all'interno della circolare del Ministero dell'Interno scaricabile sotto.

 

26-03-20 Aggiornamento Coronavirus, nessun nuovo caso a Pomezia. Il cordoglio del Sindaco per il paziente deceduto

Situazione stabile a Pomezia dove non si registrano nuovi casi di Covid-19. Ad oggi rimangono 33 i casi accertati di cittadini positivi, di cui alcuni già in fase di guarigione.

In queste ore è pervenuta anche la notizia del decesso di uno dei cittadini positivi, ricoverato presso struttura ospedaliera. “Una tragica notizia – ha commentato il Sindaco Adriano Zuccalà – che in questi giorni abbiamo sempre sperato di non dover mai ricevere. Giungano ai familiari della vittima le nostre più sentite condoglianze”.

 

26-03-20 Aggiornamento Coronavirus, pubblicata la mappa con gli interventi di pulizia strade

Pubblicata la mappa con il calendario degli interventi di pulizia delle strade comunali di Pomezia.

"La sanificazione delle strade - ha spiegato il Sindaco Adriano Zuccalà - viene regolarmente effettuata dalla ditta competente con prodotti non inquinanti e adeguati alla pulizia delle superfici stradali. Voglio rassicurare i cittadini fornendo alcuni importanti chiarimenti su quanto richiesto negli ultimi giorni.
L’Istituto Superiore di Sanità è stato chiamato ad esprimere un parere sulla disinfezione degli ambienti esterni e sull’utilizzo di disinfettanti e ha evidenziato «l’opportunità di procedere alla ordinaria pulizia delle strade con saponi/detergenti convenzionali», confermando di fatto la correttezza del nostro operato”.

Le operazioni - eseguite ed in corso di esecuzione - coinvolgeranno l'intero territorio comunale, come di seguito specificato:

POMEZIA CENTRO → 12 marzo
TORVAIANICA → 13 marzo
CAMPO ASCOLANO → 18 marzo
MARTIN PESCATORE → 20 marzo
TORVAIANICA ALTA → 23 marzo
CAMPO JEMINI → 24 marzo
CASTAGNETTA → 25 marzo
ROMA II → 26 marzo
COLLI D'ENEA - QUERCETO → 27 marzo
16 PINI - MACCHIOZZA → 28 marzo
5 PODERI → 30 marzo
SANTA PROCULA → 30 marzo
VICERÈ - PARCO DELLA MINERVA → 31 marzo
SANTA PALOMBA → 31 marzo
VIA NARO E TRAVERSE → 1 aprile
VIA CAMPOBELLO E TRAVERSE → 1 aprile
VIA MONTE D'ORO - VACCARECCIA E TRAVERSE → 2 aprile
VIA LAURENTINA E TRAVERSE → 3 aprile
VIA DEL MARE E TRAVERSE → 2 aprile
VIA DEI CASTELLI ROMANI E TRAVERSE → 4 aprile

 

25-03-20 Aggiornamento Coronavirus, videoconferenza dei Sindaci della Asl RM 6: “Più posti letto al Nuovo Ospedale dei Castelli e analisi dettagliata sulla possibile estensione del contagio”

Si è svolta questo pomeriggio, in via telematica, la Conferenza locale per la Sanità per fare il punto sulla situazione di emergenza legata al Covid19.

Tutti i Sindaci della Asl RM 6 presenti hanno condiviso con l’azienda sanitaria il piano di implementazione del Nuovo Ospedale dei Castelli, che prevede un incremento dei posti letto dedicati ed un’ottimizzazione delle aree interne per fronteggiare l’emergenza ed accogliere un numero più elevato di pazienti in degenza. Già da oggi sono operativi ulteriori 23 posti di pneumologia Covid19, che arriveranno a 73 posti dedicati. Entro sabato 28 marzo saranno disponibili ulteriori 7 posti di terapia intensiva.

La Asl ha attivato un sistema di prevenzione e controllo sanitario mantenendo un contatto costante con tutti i Sindaci delle Città di competenza, impegnandosi a fornire con cadenza quotidiana il quadro clinico aggiornato dei casi positivi e in isolamento domiciliare. Durante la riunione è stato tracciato il quadro della situazione attuale nel distretto RM6: ad oggi si registrano 1.800 persone in sorveglianza sanitaria e 6 decessi; il poliziotto di Pomezia ha lasciato la terapia intensiva ed è in miglioramento, i suoi componenti familiari sono guariti, così come uno dei compagni di classe del figlio. I dati di oggi vedono 35 nuovi casi positivi e 144 persone uscite dall’isolamento domiciliare.

“È stato un confronto costruttivo – ha commentato il Sindaco Adriano Zuccalà, che presiede la Conferenza –. Noi Sindaci abbiamo condiviso con la Asl la necessità di rendere ancora più efficiente il Nuovo Ospedale dei Castelli aumentando i posti letto dedicati ai malati di Covid19 e alla terapia intensiva. Abbiamo condiviso anche la necessità di un’analisi dettagliata sulla possibile estensione del contagio nelle prossime settimane. In questa fase così delicata siamo tutti in prima linea per cercare di arginare il contagio e avere un quadro completo e un modus operandi condiviso può sicuramente agevolare il lavoro di tutti”.

 

++IMPORTANTE++ La Regione Lazio ha inviato una nota di chiarimento relativamente alle disposizioni restrittive adottate dal Governo nel caso specifico di personeche presentano grave disabilità intellettiva, disturbi dello spettro autistico e problematiche psichiatriche e comportamentali ad elevata necessità di supporto. Tali soggetti risultano più vulnerabili nell’attuale situazione di restrizioni e molte manifestazione del disagio legato ai citati quadri diagnostici sono scarsamente gestibili nell’esclusivo spazio della propria abitazione.

E’ dunque necessario consentire, per i quadri clinici che lo richiedono, eventuali uscite dall’ambiente domestico come indispensabile azione di prevenzione e gestione delle crisi comportamentali connesse alle relative condizioni psciopatologiche.
Le uscite devono comunque avvenire solo se strettamente necessarie, restando nei dintorni di casa, rispettando le regole di distanziamento sociale per prevenire il contagio del virus.

L’esigenza di uscire deve essere autocertificata: l’accompagnatore dovrà portare con sé il modulo di autodichiarazione predisposto dal Ministero dell’Interno e, preferibilmente, il certificato che attesta la condizione di disabilità.

++IMPORTANTE++ La Regione Lazio ha inviato una nota di chiarimento relativamente alle disposizioni restrittive adottate dal Governo nel caso specifico di personeche presentano grave disabilità intellettiva, disturbi dello spettro autistico e problematiche psichiatriche e comportamentali ad elevata necessità di supporto. Tali soggetti risultano più vulnerabili nell’attuale situazione di restrizioni e molte manifestazione del disagio legato ai citati quadri diagnostici sono scarsamente gestibili nell’esclusivo spazio della propria abitazione.

E’ dunque necessario consentire, per i quadri clinici che lo richiedono, eventuali uscite dall’ambiente domestico come indispensabile azione di prevenzione e gestione delle crisi comportamentali connesse alle relative condizioni psciopatologiche.
Le uscite devono comunque avvenire solo se strettamente necessarie, restando nei dintorni di casa, rispettando le regole di distanziamento sociale per prevenire il contagio del virus.

L’esigenza di uscire deve essere autocertificata: l’accompagnatore dovrà portare con sé il modulo di autodichiarazione predisposto dal Ministero dell’Interno e, preferibilmente, il certificato che attesta la condizione di disabilità.

 
 

A seguito del confronto intercorso tra il Ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli, il Ministro dell’Economia e delle Finanze Roberto Gualtieri e le sigle sindacali nazionali, si sono convenute alcune modifiche all’allegato 1 del DPCM del 22 marzo 2020.

Alle imprese che non erano state sospese dal DPCM 22 marzo 2020 e che, per effetto del presente decreto, dovranno sospendere la propria attività, sarà consentita la possibilità di ultimare le attività necessarie alla sospensione, inclusa la spedizione della merce in giacenza, fino alla data del 28 marzo 2020.

A seguito del confronto intercorso tra il Ministro dello Sviluppo Economico Stefano Patuanelli, il Ministro dell’Economia e delle Finanze Roberto Gualtieri e le sigle sindacali nazionali, si sono convenute alcune modifiche all’allegato 1 del DPCM del 22 marzo 2020.

Alle imprese che non erano state sospese dal DPCM 22 marzo 2020 e che, per effetto del presente decreto, dovranno sospendere la propria attività, sarà consentita la possibilità di ultimare le attività necessarie alla sospensione, inclusa la spedizione della merce in giacenza, fino alla data del 28 marzo 2020.

 

24-03-20 AggiornamentoCoronavirus, nessun nuovo caso a Pomezia. Il Sindaco convoca la Conferenza Locale per la Sanità

Nessunnuovo caso di Covid-19 a Pomezia. Ad oggi nella nostra Città rimangono 31 icasi accertati di cittadini positivi. Inoltre l’Istituto Spallanzani hacomunicato che il poliziotto di Pomezia ha lasciato la terapia intensiva ed èora ospitato in un reparto di degenza.“Unabuona notizia – commenta il Sindaco Adriano Zuccalà – Al nostro concittadino ungrande augurio di pronta guarigione”.

Il Primo Cittadino ha convocato per domani alle 16.30 la conferenza locale perla Sanità a cui parteciperanno tutti i Sindaci delle città della Asl RM 6, invideoconferenza, per fare il punto sulla situazione di emergenza legata alCoronavirus.“Un momento di confronto importante – aggiunge Zuccalà– anche alla luce della videoconferenza di questa mattina con i Sindaci delLazio, Anci e Regione in cui si è fatta chiarezza sulle comunicazioni che laASL trasmette ai Sindaci in merito alle persone che risultano positive alCovid-19: la Regione sta predisponendo una modalità di trasmissione univoca traASL e Comuni in modo che tutti i Sindaci possano avere un quadro chiaro deicontagi all’interno dei territori. Inoltre il vice Presidente regionale Leodoriha preannunciato un’ordinanza regionale per permettere alle persone autisticheo con disagi psicologici comprovati di poter uscire per qualche tempo eallentare lo stress psicologico. Una deroga importante per chi soffre inmaniera particolare le misure di isolamento”.


 
 

24-03-20 Aggiornamento Coronavirus, chiuso al pubblico il cimiterocomunale da domani 25 marzo fino al 3 aprile

Il Sindaco di Pomezia Adriano Zuccalà ha appena firmato l’ordinanzadi chiusura al pubblico del cimitero comunale, da domani 25 marzo fino al 3 aprile.

Rimane garantita dal lunedì al sabato dalle ore 08:00 alle ore 14:00 l’erogazionedei servizi di trasporto, ricevimento, inumazione, tumulazione delle salme.Inoltre è ammessa la presenza per l’estremo saluto di un numero massimo didieci persone nel rispetto di tutte le condizioni utili ad evitare lepossibilità di contagio da virus Covid 19.

 
 

24-03-20 Emergenza Coronavirus, le disposizioni di Poste Italiane peril ritiro della pensione

Si informa la cittadinanza che a Pomezia è aperta la sede di Poste Italiane divia Spoleto e sono attivi i Postamat di via Spoleto e piazza Indipendenza.

Le pensioni del mese di aprileper i pensionati, titolari di un Conto BancoPosta, di un Libretto di Risparmio o di una Postepay Evolution, saranno accreditate in anticipo il 26 marzo.

Se possiedi una carta Postamat, una Carta Libretto o una Postepay Evolution, ricordati che puoi prelevare in contanti da oltre 7000 Postamat, senza recarti allo sportello.    

Se, invece, non puoi evitare di ritirare la pensione in contanti in Ufficio Postale, sarà necessario presentarsi agli sportelli secondo la seguente ripartizione di cognomi:

- 26 MARZO GIOVEDÌ dalla A alla B
- 27 MARZO VENERDÌ dalla C alla D
- 28 MARZO (mattina) SABATO dalla E alla K
- 30 MARZO LUNEDÌ dalla L alla O
- 31 MARZO MARTEDÌ dalla P alla R
- 1 APRILE MERCOLEDÌ dalla S alla Z

 
 

23-03-20 Aggiornamento Coronavirus, ad oggi sono 31 i casi positivi a Pomezia
Sono 31 ad oggi i casi accertati di Covid 19 a Pomezia. La Asl ha comunicato il nuovo caso di un uomo al momento ricoverato in struttura ospedaliera. Buone notizie per la nostra comunità, questa settimana termineranno l'isolamento domiciliare molti dei primi positivi in Città.

Proseguono i controlli del territorio da parte delle Forze dell’ordine competenti. Nella sola giornata di ieri sono stati controllati 97 veicoli e non sono state emesse sanzioni.

“L’assenza di nuove sanzioni – ha commentato il Sindaco Adriano Zuccalà – è il segnale che la cittadinanza sta rispondendo bene ai nostri appelli seguendo l’invito a non uscire di casa. Voglio rinnovare pertanto il mio ringraziamento ai cittadini che con sacrificio e senso di responsabilità stanno rispettando le regole. Insieme riusciremo a superare questo momento così difficile”.

 

23-03-20 Io mangio italiano, e tu? Pomezia insieme a Coldiretti a tutela del Made in Italy alimentare

Il Comune di Pomezia aderisce alla campagna #MangiaItaliano promossa da Coldiretti per combattere disinformazione e allarmismi e sostenere il Made in Italy alimentare.

“Vorrei rassicurare i cittadini – ha spiegato il Sindaco Adriano Zuccalà – che gli approvvigionamenti alimentari non si sono interrotti e mai lo saranno. Dobbiamo restare a casa e uscire laddove strettamente necessario, per questo è consigliabile concentrare gli acquisti per evitare che la spesa diventi l’occasione per uscire ogni giorno più e più volte di casa, ma non è necessario prendere d’assalto gli scaffali.  Accogliamo l’invito di Coldiretti a sostenere l’acquisto di prodotti Made in Italy e come sottolineano le autorità competenti ribadiamo che il virus non si trasmette con cibo e bevande”.

 

23-03-20 Aggiornamento Coronavirus, poliziotto di Pomezia respiraautonomamente

La Regione Lazio comunica che il poliziotto di Pomezia, ricoverato presso l'IstitutoNazionale Malettie Infettive Lazzaro Spallanzani, respira autonomamente.
IlSindaco Adriano Zuccalà: “Una bella notizia, siamo vicini alla famiglia eringraziamo i medici dell’Istituto Spallanzani per il loro prezioso lavoro”.

 
 

23-03-20 Emergenza Coronavirus, modalità di raccolta differenziata dei rifiuti

Si informa la cittadinanza che l’Istituto Superiore di Sanità ha disposto, per tutelare i lavoratori del settore raccolta rifiuti e per prevenire il contagio da Covid-19, che fazzoletti di carta usati, mascherine e guanti siano conferiti nell’indifferenziato con le seguenti modalità: 

- inserire i suddetti rifiuti in 2-3 sacchetti resistenti posti uno dentro l’altro e chiusi ermeticamente con lacci o nastro adesivo.

Si ringrazia la cittadinanza per la collaborazione

 
 
 

23-03-20 Aggiornamento Coronavirus, direttiva Agenzia Dogane e Monopoli: stop Lotto, SuperEnalotto e slot nei tabacchi

L'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha disposto la sospensione di alcuni giochi per il contenimento del contagio da Covid 19.

Prevista:
a. la sospensione con effetto immediato del gioco operato con dispositivi elettronici del tipo “slot machines” situati all’interno degli esercizi di rivendita;

b. la sospensione della raccolta dei giochi presso tabaccherie e altri esercizi per i quali non vige obbligo di chiusura, con le seguenti decorrenze:
- «SuperEnalotto», «Superstar», «Sivincetutto» «SuperEnalotto», «Lotto tradizionale»: dal termine dei concorsi di sabato 21 marzo 2020; la sospensione per tali giochi è estesa alla modalità di raccolta online nonché alle conseguenti attività estrazionali al fine di ulteriormente limitare gli spostamenti ed il contatto dei soggetti la cui presenza risulterebbe necessaria per il corretto svolgimento delle citate attività;
- «Eurojackpot» la sospensione per tale gioco è estesa alla modalità di raccolta online ed ha effetto immediato;

c. le scommesse che implicano una certificazione da parte di personale dell’Agenzia: dal giorno 22 marzo 2020.


 

22-3-20 Pubblicatoil Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 22 marzo valido dal 23marzo al 3 aprile

Si informa la cittadinanza che è stato pubblicato il Decretodel Presidente del Consiglio dei Ministri del 22 marzo che dispone lasospensione di tutte le attività industriali e commerciali ad eccezione diquelle elencate nell’allegato 1. Si consiglia a tutte le attività di verificareil codice Ateco corrispondente.

Le attività produttive sospese POSSONO comunque proseguire se organizzate inmodalità a distanza o LAVORO AGILE

Le imprese le cui attività sono sospese per effetto del presente decretocompletano le attività necessarie alla sospensione ENTRO il 25 marzo 2020,compresa la spedizione della merce in giacenza.

Le attività professionali NON sono sospese e per loro restanosempre ferme le previsioni del decreto di Conte dell' 11 marzo, ovvero:
➡siaattuato il massimo utilizzo da parte delle imprese di modalità di lavoro agileper le attività che possono essere svolte al proprio domicilio o in modalità adistanza;
➡sianoincentivate le ferie e i congedi retribuiti per i dipendenti nonché gli altristrumenti previsti dalla contrattazione collettiva;
➡sianosospese le attività dei reparti aziendali non indispensabili alla produzione;
➡assumanoprotocolli di sicurezza anti-contagio e, laddove non fosse possibile rispettarela distanza interpersonale di un metro come principale misura di contenimento,con adozione di strumenti di protezione individuale;
➡sianoincentivate le operazioni di sanificazione dei luoghi di lavoro, ancheutilizzando a tal fine forme di ammortizzatori sociali. 

Per le attività commerciali al dettaglio, resta valido quantogià disposto dal decreto del Presidente del Consiglio dell'11 marzo.

Restano SEMPRE consentite anche le attività che sonofunzionali ad assicurare la continuità delle filiere delle attività cheresteranno aperte, nonché dei servizi di pubblica utilità e dei serviziessenziali, PREVIA comunicazione al PREFETTO.Il Prefetto può sospendere le predette attività qualoraritenga che non sussistano le condizioni.

CONSENTITE le attività che erogano servizi di pubblicautilità, nonché servizi essenziali.SEMPRE consentita l'attività di produzione, trasporto,commercializzazione e consegna di farmaci, tecnologia sanitaria e dispositivimedico-chirurgici nonché di prodotti agricoli e alimentari.Resta consentita ogni attività comunque funzionale afronteggiare l'emergenza;

SONO CONSENTITE le attività degli impianti a ciclo produttivocontinuo, previa comunicazione al Prefetto SE dall'interruzione derivi un GRAVEPREGIUDIZIO all'impianto stesso o un pericolo di incidenti.

SONO CONSENTITE le attività dell'industria dell'aerospazio edella difesa, nonché le altre attività di rilevanza strategica per l'economianazionale, previa autorizzazione del Prefetto della provincia ove sono ubicatele attività produttive.

E’ inoltre prorogato al 3 aprile il Decreto del Ministerodella Salute che prevede le seguenti misure:
- è vietato l’accesso del pubblico ai parchi, alle ville,alle aree gioco e ai giardini pubblici;
- non è consentito svolgere attività ludica o ricreativaall’aperto; resta consentito svolgere individualmente attività motoria inprossimità della propria abitazione, purché comunque nel rispetto delladistanza di almeno un metro da ogni altra persona;
- sono chiusi gli esercizi di somministrazione di alimenti ebevande, posti all’interno delle stazioni ferroviarie e lacustri, nonché nellearee di servizio e rifornimento carburante, con esclusione di quelli situatilungo le autostrade, che possono vendere solo prodotti da asporto da consumarsial di fuori dei locali; restano aperti quelli siti negli ospedali e negliaeroporti, con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanzainterpersonale di almeno un metro.

Si ricorda inoltre che, fino al 3 aprile, è vietato a tuttele persone fisiche di trasferirsi o spostarsi con mezzi di trasporto pubblici oprivati in un comune diverso da quello in cui si trovano, se non per comprovateesigenze lavorative, di assoluta urgenza o per motivi di salute.

Consulta le FAQ del Governo

 
 

22-03-20 Aggiornamento Coronavirus, i Ministeri diSalute e Interno vietano tutti gli spostamenti dal Comune. Nessun nuovo caso aPomezia

Si informa la cittadinanza che il Ministro della Salute e ilMinistro dell’Interno hanno firmato oggi un’ordinanza che vieta a tutte lepersone fisiche di trasferirsi o spostarsi con mezzi di trasporto pubblici o privatiin un comune diverso da quello in cui si trovano, se non per comprovateesigenze lavorative, di assoluta urgenza o per motivi di salute.

La Asl comunica che oggi non si registra nessun nuovo caso aPomezia e che uno dei primi concittadini contagiati è completamente guarito.

Continuano i controlli delle forze dell’ordine sulterritorio: negli ultimi giorni la Guardia di Finanza ha effettuato 500controlli tra Pomezia e Ardea sanzionando 85 persone, mentre la Polizia Localedi Pomezia ha effettuato solo nella giornata di ieri 300 controlli con conseguenti3 sanzioni.

 
 

21-03-30Aggiornamento Coronavirus, ad oggi sono 30 icasi positivi a Pomezia

Sono 30 ad oggi i casi accertati di Covid 19 a Pomezia. I duenuovi casi sono entrambi uomini, di cui uno ricoverato e uno in isolamento domiciliare.Oggi 23 cittadini di Pomezia, collegati ai precedenti casi riscontrati, sono fuoridalla sorveglianza domiciliare perché negativi, e altri 25 ne usciranno neiprossimi 7 giorni, salvo nuovi aggiornamenti.

“Rinnovo l’invito alla cittadinanza a rimanere in casa –dichiara il Sindaco Adriano Zuccalà – e a rispettare le nuove norme cheprevedono il divieto di accesso ai parchi e alle spiagge. I controlli delleforze dell’ordine sono capillari, ma tutti dobbiamo fare la nostra parte perevitare che i sacrifici fatti siano vani. Ricordo inoltre che da oggi èdisponibile l’elenco delle attività che prevedono consegne a domicilio nellanostra Città: http://www.comune.pomezia.rm.it/consegne_a_domicilio

 
 

21-03-30 #IoRestoACasa, guida delle consegne a domicilio

Vuoi richiedere la spesa a domicilio ma non sai a chi rivolgerti? Da oggi il nostro Comune mette a disposizione una guida completa di negozi ed attività commerciali che fanno consegne a domicilio GRATUITE. Un modo per agevolare i cittadini in questa fase così delicata.

L'elenco sarà costantemente aggiornato in base alle richieste pervenute. Per essere inseriti basta inviare una mail all'indirizzo consegneadomicilio@comune.pomezia.rm.it dichiarando espressamente il proprio impegno all'erogazione del servizio e indicando il nome dell'attività, un recapito telefonico e la zona del Comune dove è presente l'attività commerciale.

Per consultare la lista, sempre aggiornata, clicca qui: http://www.comune.pomezia.rm.it/consegne_a_domicilio

 

20-03-20 Emergenza Coronavirus, ordinanza del Ministero della Salute: da domani stop accesso a parchi e giardini pubblici. Attività fisica solo nei pressi della propria abitazione

Entra in vigore domani l'ordinanza del Ministero della Salute recante Ulteriori misure urgenti di contenimento del contagio sull’intero territorio nazionale.

Il provvedimento, che vuole arginare l'emergenza Covid 19, prevede le seguenti misure:
- è vietato l’accesso del pubblico ai parchi, alle ville, alle aree gioco e ai giardini pubblici;
- non è consentito svolgere attività ludica o ricreativa all’aperto; resta consentito svolgere individualmente attività motoria in prossimità della propria abitazione, purché comunque nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona;
- sono chiusi gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande, posti all’interno delle stazioni ferroviarie e lacustri, nonché nelle aree di servizio e rifornimento carburante, con esclusione di quelli situati lungo le autostrade, che possono vendere solo prodotti da asporto da consumarsi al di fuori dei locali; restano aperti quelli siti negli ospedali e negli aeroporti, con obbligo di assicurare in ogni caso il rispetto della distanza interpersonale di almeno un metro;
- nei giorni festivi e prefestivi, nonché in quegli altri che immediatamente precedono o seguono tali giorni, è vietato ogni spostamento verso abitazioni diverse da quella principale, comprese le seconde case utilizzate per vacanza.

Il provvedimento sarà efficace fino al 25 marzo 2020.

 

20-03-20 Emergenza Coronavirus, nuova riunione via Skype dei Sindaci del litorale. Chiuse le spiagge di Torvaianica, Ardea, Anzio e Nettuno. Controlli coordinati ai confini delle Città
Nuova positiva riunione via Skype dei Sindaci dei Comuni di Pomezia, Ardea, Anzio e Nettuno, per mettere a punto una serie di misure condivise, finalizzate ad arginare il Covid19 nei quattro territori limitrofi.

Vietata, tramite ordinanza, qualsiasi attività sull’arenile e sulla spiaggia lungo l’intero tratto che va da Torvaianica a Nettuno, fino al 3 aprile, salvo diverse disposizioni. Inoltre sono stati intensificati ulteriormente i controlli coordinati dei confini territoriali, da parte delle Forze dell’Ordine, per garantire il rispetto delle misure adottate dal Governo,  evitando assembramenti e spostamenti non autorizzati da un Comune all’altro.

“Un provvedimento che si è reso necessario – spiegano i Sindaci di Anzio, Ardea, Nettuno e Pomezia – per evitare assembramenti e scongiurare ogni possibile contagio. Invitiamo nuovamente tutti i cittadini a restare a casa e ad uscire laddove strettamente necessario. Per sconfiggere il Covid19 e tornare quanto prima alla normalità, dobbiamo rispettare alla lettera le prescrizioni del Governo e, nonostante le belle giornate, evitare le passeggiate all’aperto. Insieme ce la faremo! Noi Sindaci restiamo a vostra disposizione fino alla fine di questa emergenza e continueremo ad informarvi”.

 

19-03-20 Chiarimenti in merito alla chiusura del supermercato "InGrande" di via Naro

Riguardo la chiusura del supermercato "InGrande" di via Naro, si comunica che la struttura, su richiesta della ASL, è stata sanificata in via precauzionale.

Un dipendente del supermercato, NON residente a Pomezia, e già a casa da diversi giorni, è risultato positivo al COVID-19.

Si rassicura tutti che la ASL ha verificato il rispetto delle procedure di sanificazione degli ambienti ed il protocollo di protezione del personale e dei clienti già in essere all'interno del supermercato.

Per questi motivi, il negozio è tornato operativo nelle ore successive e sarà regolarmente aperto già da domani.

 

19-03-30 Aggiornamento Coronavirus, nessun nuovo caso a Pomezia. Emesse oltre 100 sanzioni dalle Forze dell’ordine

Situazione stabile a Pomezia, dove non si registrano nuovi casi di positivi al Covid 19 da quattro giorni. I casi accertati, ad oggi, sono 28.

Prosegue senza sosta l’azione di controllo da parte delle Forze dell’ordine per far rispettare il divieto di assembramenti. Ogni giorno vengono eseguiti controlli al fine di verificare l'attuazione delle prescrizioni previste e le chiusure obbligatorie degli esercizi commerciali negli orari stabiliti. In meno di una settimana sono già state emesse oltre 100 sanzioni.

“La situazione sul nostro territorio – dichiara il Sindaco Adriano Zuccalà – è stabile e costantemente monitorata, anche grazie al continuo confronto con le autorità sanitarie competenti. I cittadini stanno reagendo bene, osservando le prescrizioni del Governo. Ora più che mai non dobbiamo abbassare la guardia, ma continuare a rispettare le regole: è un sacrificio necessario per tornare quanto prima alla normalità”.

 

19-03-20 Trasporto pubblico urbano - Rimodulazione del servizio

Autolinee Troiani informa la cittadinanza che in ottemperanza dell'ordinanza regionale recante Misure per la prevenzione e gestione dell'emergenza epidemiologica da Covid 19, il servizio del trasporto pubblico sarà rimodulato fino al 3 aprile, salvo diverse disposizioni.

I nuovi orari tengono conto delle coincidenze con gli orari attuali dei treni in arrivo e partenza c/o la stazione di Santa Palomba e la frequentazione dell'utenza rilevata negli ultimi giorni.

 

19-03-30 Emergenza Coronavirus, arrivano le ricette farmaceutiche dematerializzate

Si informa la cittadinanza che in caso di bisogno di farmaci, da oggi non è necessario recarsi dal proprio medico per il ritiro della ricetta dematerializzata.

È sufficiente farsi comunicare dal medico il numero di ricetta elettronica (NRE) e portarlo in farmacia, muniti di tessera sanitaria.

 

19-03-20 Aggiornamento Coronavirus, nuova ordinanza della Regione Lazio: esentati da limiti di orario edicole, benzinai e distributori automatici

Entra in vigore questa mattina l’ordinanza emanata ieri dalla Regione Lazio, che integra i contenuti di quella pubblicata ieri sugli orari di apertura dei negozi.

Il provvedimento nello specifico prevede che le disposizioni annunciate nell’ordinanza di ieri (orari limite per l’apertura e la chiusura degli esercizi, 8.30 e 19.00 dal lunedì al sabato e 8.30 e 15.00 la domenica) non si applicano, oltre che alle farmacie e parafarmacie, anche:
- alle edicole (attività di commercio al dettaglio di giornali, riviste e periodici);
- ai distributori automatici;
- ai benzinai (aree di servizio e di rifornimento carburanti), sia quelli situati sulla rete stradale, sia quelli autostradali, compresi i self-service.

L’ordinanza riguarda esclusivamente le attività commerciali e non le attività artigianali consentite; di conseguenza non sono previste limitazioni di orario, a titolo esemplificativo, per i forni.



 

19-03-20 Aggiornamento Coronavirus, comunicazione Poste Italiane

Poste Italiane comunica che sta provvedendo ad una ulteriore razionalizzazione degli uffici postali su tutto il territorio nazionale, i cui giorni ed orari di accesso al pubblico verranno nuovamente rimodulati, con l’obiettivo di salvaguardare la salute dei lavoratori e della clientela.

L’azienda provvederà nei Comuni con popolazione oltre i 25 mila abitanti: l’apertura su 6 giorni in modalità turno unico (08.20-13.35) di alcuni Uffici Postali che allo stato attuale effettuano doppio turno (08.20-19.05).

Per ogni altra informazione si rimanda al sito di Poste italiane: www.poste.it e alla sezione dedicata alla campagna #IoRestoACasa www.poste.it/iorestoacasa.html

 

18-03-20 Lacultura non si ferma a Pomezia. Biblioteche, Musei e Teatro disponibili on line

Dopo il servizio dibiblioteca online, da oggi Musei e Teatro direttamente nelle case di tutti noi. E’ questa l’idea dell’Ufficio Cultura del Comune di Pomezia che, in collaborazione con leassociazioni del territorio, sta realizzando brevi video – racconti e favoleper bambini, monologhi per adulti – che possano accompagnare grandi e piccoliin queste giornate di emergenza.

“Un modo per tenere vivala cultura in Città anche ora che ognuno di noi è a casa – spiega la viceSindaco Simona Morcellini – Una visita virtuale al Museo civico archeologicoLavinium o centro storico di Pomezia attraverso la sua ricostruzione virtualedel Museo Città di Pomezia - Laboratorio del Novecento, una favola per bambinio uno spettacolo per i più grandi, possono essere momenti di svago per i nostriconcittadini. La cultura, così come il turismo e le attività produttive, sonotra i settori del Paese più colpiti da questa emergenza e stiamo dando ilmassimo per essere vicini a tutti i soggetti e le realtà che avranno bisogno disupporto nei prossimi mesi. Ora vogliamo essere vicini ai cittadini di Pomeziaanche così, accompagnandoli quotidianamente a un incontro con la cultura”.

I video sarannodisponibili quotidianamente su: www.youtube.com/comunedipomezia

 
 

18-03-20 Emergenza Coronavirus, il Governo vara il decreto CuraItalia: un provvedimento da 25 miliardi

Pubblicato in Gazzetta Ufficiale il decreto #CuraItalia, in vigore da oggi.
Di seguito una breve sintesi delle principali misure. In allegato il testo del provvedimento completo.

FISCO
- Stop ai versamenti al fisco fino a venerdì per tutti
Tutti i versamenti nei confronti delle pubbliche amministrazioni, compresi contributi previdenziali e assistenziali e i premi per l’assicurazione obbligatoria, in scadenza il 16 marzo sono prorogati al 20 marzo 2020.
- Stop ai termini per gli adempimenti fiscali
Sospesi per tutti gli adempimenti fiscali con scadenza tra l’8 marzo 2020 e il 31 maggio 2020. Fanno eccezione solo gli adempimenti legati alla comunicazione dei dati degli oneri detraibili e deducibili ai fini della precompilata.
- Stop ai mutui prima casa
Via libera per un periodo di 9 mesi all’estensione della moratoria fino a 18 mesi prevista per i mutui prima casa anche ai lavoratori autonomi e ai liberi professionisti che autocertifichino in un trimestre successivo al 21 febbraio 2020 un calo, superiore al 33%, del fatturato dell’ultimo trimestre 2019 a causa della chiusura o della restrizione della propria attività per l’emergenza. Per l’accesso al Fondo non è richiesta la presentazione dell’Isee.
- Stop alle ritenute per professionisti e Fondo per i redditi bassi
I professionisti e consulenti che hanno ricavi o compensi sotto 400mila euro non dovranno versare le ritenute d’acconto sui ricavi e i compensi percepiti fino al 31 marzo. Arriva il ‘Fondo per il reddito di ultima istanza’ per garantire un’indennità, ai lavoratori dipendenti e autonomi che hanno cessato, ridotto o sospeso la loro attività o il loro rapporto di lavoro.

FAMIGLIA
- Congedo speciale e voucher babysitter per i genitori
A partire dal 5 marzo per i genitori lavoratori dipendenti del settore privato e autonomi che si trovano a fronteggiare la chiusura delle scuole in arrivo una forma di congedo parentale straordinario, per i figli fino a 12 anni di età, per un periodo continuativo o frazionato fino a 15 giorni, con un’indennità pari al 50% della retribuzione o di 1/365 del reddito. In alternativa al congedo si potrà utilizzare il cosiddetto voucher baby sitter fino a 600 euro che sale a 1.000 per il personale sanitario. Il bonus viene erogato mediante il libretto famiglia.

LAVORO E IMPRESE
- Casi di positività al Covid19
Il periodo trascorso in quarantena con sorveglianza attiva o in permanenza domiciliare fiduciaria è equiparato a malattia ai fini del trattamento economico previsto dalla normativa di riferimento e non è computabile ai fini del periodo di comporto.
- Ammortizzatori sociali per tutto il territorio nazionale
Stanziati 5 miliardi per la Cassa Integrazione ordinaria, straordinaria e in deroga e per il Fondo d'Integrazione Salariale.  
- Proroga termini per richiesta NASpI e DIS-COLL
«Per gli eventi di cessazione involontaria dall’attività lavorativa verificatisi a decorrere dal 1* gennaio 2020 e fino al 31 dicembre 2020, i termini di decadenza previsti dall’articolo 6, comma 1, e dall’articolo 15, comma 8, del decreto legislativo 22 aprile 2015, n. 22, sono ampliati da sessantotto a centoventotto giorni».
- Stop ai licenziamenti per 2 mesi
Stop ai licenziamenti: per 60 giorni il decreto vieta al datore di lavoro, indipendentemente dal numero dei dipendenti, di recedere dal contratto per «giustificato motivo oggettivo» e sospende le procedure pendenti avviate dopo il 23 febbraio 2020.
- Indennità di 600 euro per i lavoratori
Riconosciuta un’indennità per il mese di marzo pari a 600 euro alle seguenti categorie di lavoratori, non titolari di pensione e non iscritti ad altre forme previdenziali obbligatorie:
•    liberi professionisti titolari di partita Iva attiva alla data del 23 febbraio 2020;
•    lavoratori titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa attivi alla medesima data;
•    lavoratori autonomi iscritti alle gestioni speciali dell’Ago;
•    lavoratori dipendenti stagionali del settore turismo e degli stabilimenti termali «che hanno cessato involontariamente il rapporto di lavoro nel periodo compreso tra il primo gennaio 2019» e la data di entrata in vigore del decreto;
•    operai agricoli a tempo determinato, che nel 2019 abbiano effettuato almeno 50 giornate effettive di attività di lavoro agricolo.
- Smart working nella Pubblica amministrazione
Lo smart working diventa modalità ordinaria di lavoro nelle pubbliche amministrazioni e può essere applicata a ogni rapporto di lavoro subordinato. I lavoratori del settore privato affetti da gravi e comprovate patologie hanno priorità nell’accoglimento delle domande di lavoro agile.
- Premio di 100 euro per i lavoratori in sede
Bonus da 100 euro per i lavoratori dipendenti, pubblici e privati, con reddito complessivo non superiore a 40.000 euro, che, durante il periodo di emergenza sanitaria Covid 19, continuino a prestare servizio nella sede di lavoro nel mese di marzo 2020.
- Potenziamento dei presidi sanitari
Allo scopo di sostenere la continuità, in sicurezza, dei processi produttivi delle imprese, l’Inail entro provvede entro il 30 aprile 2020 a trasferire ad Invitalia l’importo di 50 milioni di euro da erogare alle imprese per l’acquisto di dispositivi ed altri strumenti di protezione individuale.
- Imprese e professionisti sotto i 2 milioni di euro: stop ai versamenti
Per imprese, autonomi e professionisti che sono sotto i 2 milioni di ricavi i versamenti alla cassa per saldare le ritenute, l’Iva annuale e mensile, nonché i contributi previdenziali e quelli Inail sono rinviati al 31 maggio e potranno essere pagati in un’unica soluzione o in massimo 5 rate mensili.
- Stop ai versamenti e contributi per lavoro domestico
Sono sospesi i termini per i versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria dovuti dai datori di lavoro domestico in scadenza nel periodo dal 23 febbraio 2020 al 31 maggio 2020. Non previsto il rimborso dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l’assicurazione obbligatoria già versati.

BANCHE E LIQUIDITÀ
- Credito d’imposta per affitti di botteghe e negozi
Per gli esercenti di negozi e botteghe è riconosciuto un credito d’imposta nella misura del 60% dell’ammontare del canone di affitto, relativo al mese di marzo.
- Crediti d’imposta per sanificare gli ambienti di lavoro
Per incentivare la sanificazione degli ambienti di lavoro, per chi esercita attività d’impresa, arte o professione è riconosciuto, per il periodo d’imposta 2020, un credito d’imposta nella misura del 50% delle spese di sanificazione degli ambienti e degli strumenti di lavoro fino a un massimo di 20.000 euro. Il credito d’imposta è riconosciuto fino all’esaurimento dell’importo massimo di 50 milioni di euro per il 2020.

SANITÀ
- Potenziamento delle risorse umane del Ministero della salute
Il Ministero della salute è autorizzato ad assumere con contratto di lavoro a tempo determinato con durata non superiore a tre anni, 40 unità di dirigenti sanitari medici, 18 unità di dirigenti sanitari veterinari e 29 unità di personale non dirigenziale con il profilo professionale di tecnico della prevenzione.
- L’Inail potrà assumere 200 medici specialisti e 100 infermieri
Il decreto prevede che l’Inail possa assumere «un contingente di 200 medici specialisti e di 100 infermieri» conferendo «incarichi di lavoro autonomo, anche di collaborazione coordinata e continuativa, di durata non superiore a sei mesi, eventualmente prorogabili in ragione del perdurare dello stato di emergenza, e comunque non oltre il 31 dicembre 2020».
- Mascherine prima ai medici e al personale sanitario
I dispositivi di protezione individuale «sono forniti in via prioritaria ai medici e agli operatori sanitari e sociosanitari». Vengono anche disposti incentivi per la produzione e la fornitura di dispositivi medici.
- 150 milioni di euro per requisire presidi sanitari privati
Fino al termine dello stato di emergenza, il Capo del Dipartimento della Protezione civile può disporre, fino a 150 milioni di euro, anche su richiesta del Commissario straordinario, con proprio decreto, la requisizione in uso o in proprietà, da ogni soggetto pubblico o privato, di presidi sanitari e medico-chirurgici, nonché di beni mobili di qualsiasi genere, occorrenti per fronteggiare la predetta emergenza sanitaria.

SCUOLA, SPORT E CULTURA
- Pulizia straordinaria degli ambienti scolastici
Al fine di consentire alle istituzioni scolastiche ed educative pubbliche del sistema nazionale di istruzione, comprese le scuole paritarie, di dotarsi dei materiali per la pulizia straordinaria dei locali, nonché di dispositivi di protezione e igiene personali, sia per il personale sia per gli studenti, è autorizzata la spesa di 43,5 milioni di euro nel 2020.
- Pc per meno abbienti e didattica a distanza
In arrivo 70 milioni di euro nel 2020 che serviranno a mettere a disposizione degli studenti meno abbienti, in comodato d’uso, dispositivi digitali individuali per la fruizione delle piattaforme per la didattica a distanza.
- Stop alle ritenute per le società sportive
Le federazioni sportive nazionali e gli enti di promozione sportiva, avranno, così come le società sportive dilettantistiche e professionistiche, un mese di tempo di più e verseranno entro il 30 giugno le ritenute alla fonte, operate in qualità di sostituti d’imposta, nei confronti dei lavoratori dipendenti.
Sospesi, dalla data di entrata in vigore del presente decreto e fino al 31 maggio 2020, i termini per il pagamento dei canoni di locazione e concessori relativi all’affidamento di impianti sportivi pubblici dello Stato e degli enti territoriali.
- Voucher-rimborsi per soggiorni, biglietti per teatro, cinema e musei
L’articolo 88 del decreto regola il rimborso dei contratti di soggiorno e risoluzione dei contratti di acquisto di biglietti per spettacoli, musei e altri luoghi della cultura. «I soggetti acquirenti - si legge nel testo - presentano, entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore del decreto, apposita istanza di rimborso al venditore, allegando il relativo titolo di acquisto». Il venditore, entro trenta giorni dalla presentazione della richiesta, provvede a emettere «un voucher di pari importo al titolo di acquisto, da utilizzare entro un anno dall’emissione».

CONTRASTO ALLA POVERTÀ
- Reddito di cittadinanza per 2 mesi senza condizioni
Sospese per 2 mesi le condizioni previste per ricevere il reddito di cittadinanza, quali l’immediata disponibilità al lavoro e l’impegno in attività di servizio alla comunità.
- 50 milioni di euro per distribuire cibo agli indigenti
In arrivo 50 milioni per assicurare la distribuzione delle derrate alimentari agli indigenti per l’emergenza. L’apposito fondo per il finanziamento dei programmi nazionali di distribuzione di derrate alimentari alle persone indigenti, istituito presso l’Agenzia per le erogazioni in agricoltura, è incrementato quindi di 50 milioni.

GIUSTIZIA
- Stop alle udienze civili e penali
Dal 9 marzo 2020 al 15 aprile 2020 le udienze dei procedimenti civili e penali pendenti presso tutti gli uffici giudiziari sono rinviate d’ufficio a data successiva al 15 aprile 2020. 2. Dal 9 marzo 2020 al 15 aprile 2020 è sospeso il decorso dei termini per il compimento di qualsiasi atto dei procedimenti civili e penali.
- Domiciliari, braccialetti e semilibertà
Iter semplificati – fino al 30 giugno – per la detenzione domiciliare di chi deve scontare una pena (anche residua) fino a 18 mesi (prevista dalla legge n.199/2010), con la previsione di «controllo mediante mezzi elettronici», il cosiddetto ‘braccialetto elettronico’, per pene comprese tra 7 e 18 mesi. Nel decreto legge vengono confermate le novità circolate finora sulle misure per ‘alleggerire’ il sovraffollamento carcerario in questo momento di emergenza sanitaria. Esclusi dal beneficio i reati più gravi (quelli indicati dall’articolo 4 bis dell’ordinamento penitenziario), i maltrattamenti in famiglia e lo stalking.

ENTI LOCALI
- Concorsi del pubblico impiego sospesi per 60 giorni
«Lo svolgimento delle procedure concorsuali per l’accesso al pubblico impiego, ad esclusione dei casi in cui la valutazione dei candidati sia effettuata esclusivamente su basi curriculari ovvero in modalità telematica, sono sospese per sessanta giorni a decorrere dall’entrata in vigore del presente decreto. Resta ferma la conclusione delle procedure per le quali risulti già ultimata la valutazione dei candidati».
- Consigli regionali e comunali in conference call
Per ridurre i rischi di contagio da Covid-19, le sedute dei consigli comunali e regionali potranno tenersi in videoconferenza nel rispetto di criteri di trasparenza e tracciabilità fissati dal presidente del Consiglio o dal Sindaco.
- Rinviato il referendum sul taglio dei parlamentari
Rinviato il referendum costituzionale per il taglio dei parlamentari. Potrà svolgersi entro la seconda metà di settembre. Nessuna novità per quanto riguarda le elezioni regionali e comunali.


 

18-03-20 Aggiornamento Coronavirus, i chiarimenti dell’Amministrazionecomunale sulla sanificazione delle strade

Sulle polemiche di questi giorni riguardo allasanificazione delle strade, il Sindaco Adriano Zuccalà chiarisce:

“Voglio rassicurare la cittadinanza in merito allasanificazione delle nostre strade. Questa è già regolarmente effettuata dalladitta competente con prodotti non inquinanti e adeguati alla pulizia dellesuperfici stradali. Non si tratta di un servizio aggiuntivo per contrastare ilCoronavirus perché, come confermato dalle autorità sanitarie, non è essenzialeper la lotta al Covid-19, ma è un’attività ordinaria dell’Ente che vienecomunque svolta regolarmente. E’ importante in questo momento non diffonderenotizie che possano creare allarmi ingiustificati: le strade di Pomezia eTorvaianica sono regolarmente sottoposte a pulizia e sanificazione, attivitàche viene svolta sull’intero territorio comunale”.

 
 

18-3-20 Aggiornamento Coronavirus, isoleecologiche aperte solo per sfalci e potature. Ritiro ingombranti a domicilio

Si informa la cittadinanza che, viste le misure restrittivevolte al contenimento del contagio da Covid 19, il Sindaco ha appena firmato un’ordinanzache prevede l’accesso alle isole ecologiche di Pomezia e Torvaianicaesclusivamente per il conferimento di rifiuti derivanti da sfalci e potature.Il conferimento di rifiuti ingombranti deve essere effettuato tramite il ritiroa domicilio ( NUMERO VERDE 800.67.82.29)

 
 

18-3-20Aggiornamento Coronavirus, nuovo orario delle attivitàcommerciali rimaste aperte

Si informa la cittadinanza che, con ordinanza delPresidente della Regione Lazio, si dispone da oggi 18 marzo e fino al 5 aprile 2020che le attività commerciali (vedi elenco sotto), ad eccezione delle farmacie edelle parafarmacie, osserveranno il seguente orario di apertura al pubblico: dalleore 8.30 alle ore 19.00 e nelle domeniche e nei giorni festivi dalle ore 8.30alle ore 15.00.

Si invita la cittadinanza, ovepossibile, ad effettuare l’approvvigionamento alimentare e quello relativo adaltri beni di primaria necessità presso gli esercizi commerciali presenti nelproprio quartiere di residenza o in quello in cui si svolge l’attivitàlavorativa 

COMMERCIO AL DETTAGLIO
Ipermercati
Supermercati
Discount di alimentari
Minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimentarivari
Commercio al dettaglio di prodotti surgelati
Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati dicomputer, periferiche, attrezzature per le telecomunicazioni, elettronica diconsumo audio e video, elettrodomestici
Commercio al dettaglio di prodotti alimentari, bevande etabacco in esercizi specializzati (codici ateco: 47.2)
Commercio al dettaglio di carburante per autotrazione inesercizi specializzati
Commercio al dettaglio apparecchiature informatiche e per letelecomunicazioni (ICT) in esercizi specializzati (codice ateco: 47.4)
Commercio al dettaglio di ferramenta, vernici, vetro piano emateriale elettrico e termoidraulico
Commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari
Commercio al dettaglio di articoli per l'illuminazione
Commercio al dettaglio di giornali, riviste e periodici
Farmacie
Commercio al dettaglio in altri esercizi specializzati dimedicinali non soggetti a prescrizione medica
Commercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici inesercizi specializzati
Commercio al dettaglio di articoli di profumeria, prodottiper toletta e per l'igiene personale
Commercio al dettaglio di piccoli animali domestici
Commercio al dettaglio di materiale per ottica e fotografia
Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico eper riscaldamento
Commercio al dettaglio di saponi, detersivi, prodotti per lalucidatura e affini
Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodottoeffettuato via internet
Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodottoeffettuato per televisione
Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto percorrispondenza, radio, telefono
Commercio effettuato per mezzo di distributori automatici

 
 
 

17-3-20 Aggiornamento Coronavirus, nessun nuovo caso negliultimi due giorni a Pomezia. Effettuati 1.050 controlli ed emesse 81 sanzionidalle forze dell’ordine negli ultimi due giorni

Sono fermi a 28 i casi accertati di Covid 19 a Pomezia. “Nessunnuovo caso negli ultimi due giorni – dichiara il Sindaco Adriano Zuccalà – Lasituazione rimane stabile e ci fa ben sperare nelle misure adottate per ilcontenimento del contagio. L’attenzione rimane alta: nessuno deve uscire dicasa se non per vera necessità. Ringrazio i cittadini che con grande sacrificiostanno rispettando le regole e le forze dell’ordine che stanno effettuandocontrolli a tappeto su persone e attività commerciali”.

Negliultimi due giorni Carabinieri, Guardia diFinanza e Polizia Locale hanno infatti effettuato 1.050 controlli a persone intransito e attività commerciali emettendo 81 sanzioni per violazione delleregole imposte dal DPCM del 11 marzo.

 
 

17-03-20EmergenzaCoronavirus, a Pomezia disponibile il servizio di biblioteca digitale

Labiblioteca comunale di Pomezia è chiusa ma non si ferma. E’ attivo edisponibile gratuitamente per tutti il servizio avanzato di biblioteca digitale,una vasta gamma di contenutidigitali, 24 ore su 24, 7 giorni su 7: migliaia di e-book e audiolibri, oltreun milione di risorse informative digitali tra collezioni di musica, immagini,filmati, banche dati, e-learning, oltre 5.000 giornali internazionali, tra cuiquotidiani e periodici italiani. Una biblioteca a casa, gratuita e consultabile su qualsiasidispositivo (pc, tablet, smartphone, e-reader). 

Accedere è semplice: 

PER CHI E’ GIA’ ISCRITTO ALLA BIBLIOTECACOMUNALE 
Inviarerichiesta di iscrizione alla piattaforma di biblioteca digitale MLoL (Media Library on Line) all’indirizzomail biblioteca@comune.pomezia.rm.itindicando:
 -         N°tessera biblioteca o nome e cognome
 -         Datadi nascita
 -         Indirizzomail  

PER CHI NON E’ ISCRITTO ALLA BIBLIOTECACOMUNALE 
Compilare modulo di iscrizione alla biblioteca scaricabile allink www.comune.pomezia.rm.it/modulistica_scuola_culturae inviarlo, insieme alla copia di un documento di identità, all’indirizzo mail biblioteca@comune.pomezia.rm.it

 
 

17-03-20Aggiornamento Coronavirus, accesso contingentato alle isole ecologiche

Si informa la cittadinanza che, viste le misure restrittive volte alcontenimento del contagio da Covid 19, l’accesso alle isole ecologiche diPomezia e Torvaianica è contingentato. Gli utenti saranno quindi fatti accedereuno per volta per evitare assembramenti.

 
 

16-03-20 Emergenza Coronavirus, prorogati i termini per partecipare al Bando dell'Estate pometina 2020

Si comunica che, con Determinazione Dirigenziale n. 302 del 16.03.2020, è stato prorogato il termine dell’avviso pubblico dell’Estate Pometina 2020 fino al 26 Aprile 2020.
Leggi il bando --> http://www.comune.pomezia.rm.it/avviso_estate_pometina_2020

 
 

16-03-20 Emergenza Coronavirus, riunione via Skype dei Sindaci del litorale. Stop parcheggi a pagamento fino al 3 aprile. Controlli coordinati dei confini territoriali

Riunione via Skype dei Sindaci dei Comuni di Pomezia, Ardea, Anzio e Nettuno per mettere a punto una serie di misure condivise per arginare il Covid19 nei quattro territori limitrofi.

L’incontro è stato l’occasione per definire un coordinamento in tema di controlli dei confini territoriali, in modo da consentire a tutte le Forze dell’ordine una maggiore sinergia per garantire il rispetto delle misure adottate dal Governo evitando assembramenti o spostamenti non autorizzati da un Comune all’altro. 

I Sindaci hanno poi condiviso di sospendere il pagamento delle strisce blu fino al 3 aprile.

“È stata una riunione proficua – ha commentato il Sindaco Adriano Zuccalà –. Abbiamo fatto il punto della situazione e ci siamo coordinati sulle prossime misure da mettere in campo, come la sospensione dei parcheggi a pagamento. Ribadiamo oggi più che mai quanto sia importante rispettare le indicazioni e le raccomandazioni del Governo lasciando la propria abitazione solo se strettamente necessario: solo così potremo tornare alla normalità il prima possibile”.

 

16-03-20AggiornamentoCoronavirus, riunione del Centro Operativo Comunale (COC)

Si è svolta questamattina la riunione del Centro Operativo Comunale (COC), attivato il 27febbraio scorso, per fare il punto sulle misure adottate per l’emergenzaCoronavirus. Presenti il Sindaco Adriano Zuccalà, il comandante della Polizia LocaleAngelo Pizzoli, la Protezione Civile Echo, la Croce Rossa Italiana e laConfraternita Misericordia.

“Stiamo lavorando tuttiinsieme senza sosta – dichiara il Primo Cittadino – cercando, da una parte difornire tutto il supporto necessario alla popolazione in questo momento didifficoltà, e dall’altra di verificare in maniera capillare il rispetto delleregole da parte delle attività commerciali e dei cittadini. Voglio ringraziaretutti gli agenti e i volontari al lavoro”.

Sono 40 ad oggi le consegnedi spesa a domicilio effettuate dai volontari della Protezione civile e 20 leconsegne di farmaci a domicilio effettuate dai volontari della Croce Rossa edella Misericordia.

Si ricorda che i servizisono gratuiti:
 
- il servizio di consegnadella spesa a domicilio è rivoltoalle persone affette da disabilità, con gravi patologie, o anziane con più di65 anni, prive di una rete familiare e di vicinato che le possa supportarepresso la propria abitazione. Per accedere al servizio è necessario contattareil numero 06 9100586 dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 12.00. Il personaleincaricato raccoglierà le richieste pervenute e si recherà presso gli utentinelle ore pomeridiane. Potranno essere acquistati SOLO generi di primanecessità (acqua, pasta, olio, scatolame). E’ possibile pagareesclusivamente in contanti

- il servizio di consegna dei farmaci a domicilio è rivolto alle personeaffette da disabilità, con gravi patologie, o anziane con più di 65 anniimpossibilitate a effettuare il ritiro. Per accedere al servizio è necessariocontattare il numero 3336603392 dal lunedì al venerdì dalle 09.00 alle12.00. I farmaci verranno consegnati dalle 17.30 in poi dal lunedì al venerdì

 
 

15-03-20Aggiornamento Coronavirus, ad oggi sono 28 i casi positivi. Effettuati 630 controlli ed emesse 50 sanzioni dalle forze dell’ordine.

Sono 28 ad oggi i casi accertati di Covid 19 a Pomezia. I nuovi casi, 5 donne e 3 uomini individuati tramite connessioni note, sono tuttiattualmente asintomatici e in isolamento domiciliare. Ad oggi risultano 917persone in sorveglianza domiciliare preventiva in tutta ASL RM6. Circa 30 cittadinidi Pomezia, collegati ai primi casi riscontrati, sono usciti dalla sorveglianzadomiciliare essendo sempre risultati negativi.

Inoltre nelle ultime ore i Carabinieri, la Guardia diFinanza e la Polizia Locale hanno effettuato 630 controlli a persone intransito e attività commerciali emettendo 50 sanzioni per violazione delle regoleimposte dal DPCM del 11 marzo.Si ricorda che è importante limitare gli spostamenti esclusivamentealle attività essenziali, quali il lavoro, la spesa alimentare e farmaceutica.

 
 

14-03-20 Aggiornamento Coronavirus, il Sindaco Zuccalà firmaordinanza di chiusura dei giardini e aree cani comunali

Il Sindaco Adriano Zuccalà ha appena firmato un’ordinanzache prevede la chiusura di tutti i giardini e delle aree cani comunali diPomezia, al fine di evitare assembramenti di persone.

“Un provvedimento che si è reso necessario per impedire aicittadini di riversarsi nei giardini pubblici, con bambini o cani – spiega ilSindaco – Assembramenti di persone, o anche solo passeggiate in gruppo neiparchi possono rendere inutili le misure restrittive adottate in tutto il Paesein queste settimane. Il messaggio è chiaro: dobbiamo stare tutti a casa, usciresolo in caso di vera necessità. Le passeggiate, da soli o per portare a spassoi cani, sono consentite esclusivamente nei pressi della propria abitazione, ovviamentecon l’obbligo per i padroni di animali di raccogliere le deiezioni canine. Sonoconsapevole che per ognuno di noi l’isolamento corrisponde a un sacrificio, maè importante rispettare le indicazioni e le raccomandazioni previste. Solo cosìpotremo tornare alla normalità il prima possibile”.

 
 

13-03-20 Aggiornamento Coronavirus, confermati altri 2 casi positivi a Pomezia. 92 uscite da sorveglianza domiciliare


Si informa la cittadinanza che sono risultati positivi al Covid 19 altri 2 cittadini del territorio: uno attualmente ricoverato al Gemelli ed uno posto in isolamento domiciliare. 

Si informa inoltre, che sulla base dei dati forniti dalla Asl RM6, oggi altre 92 persone sono uscite dalla sorveglianza domiciliare. Seguiranno aggiornamenti.

 

13-03-20 #IoRestoaCasa, intensificati i controlli delle Forze dell’ordine sul territorio

Prosegue senza sosta l’attività di controllo del territorio da parte delle Forze dell’ordine in ottemperanza a quanto previsto dai Decreti del Governo nazionale che invitano i cittadini a restare a casa per arginare il contatto da Covid 19.

Un lavoro congiunto – frutto della collaborazione tra Polizia locale, Polizia di Stato, Carabinieri e Guardia di Finanza – che durante il fine settimana sarà intensificato, con particolare attenzione agli spostamenti non autorizzati. 

Secondo i primi dati diffusi dal Ministero dell'Interno, solo nella giornata di mercoledì 11 marzo sul territorio italiano su 106mila persone controllate sono state denunciate 2.162 che non hanno rispettato il divieto di spostamento per motivi non urgenti, 35 con l'aggravante delle dichiarazioni false, 113 titolari di attività ed esercizi commerciali che non hanno rispettato le prescrizioni previste. 

Si rinnova pertanto l’invito a restare a casa e a uscire solo se strettamente necessario. Vi ricordiamo che gli spostamenti sono consentiti per motivi di lavoro, di salute o altre necessità, quali ad esempio l’acquisto di generi di beni alimentari.

In questa fase la collaborazione di tutti, anche durante le fasi di controllo, è fondamentale. 

 

13-03-20 Proroga bando pubblico per il reperimento di proposte finalizzate alla realizzazione di sagre e feste da svolgersi nell'anno 2020


Prorogati al 27 aprile 2020 i termini di presentazione delle domande relative alle proposte finalizzate alla realizzazione di sagre e feste per l'anno 2020, di cui al bando pubblico approvato con determinazione dirigenziale n. 219 del 18/02/2020.

Di conseguenza, sarà differita al 27 maggio 2020 la data di approvazione del calendario definitivo, relativo ad entrambe le sessioni.


13-03-20 Avviso acquisizione Isee d’ufficio per il servizio trasporto scolastico: proroga dei termini al 30 aprile 2020

Attesa la situazione di emergenza dichiarata con delibera del Consiglio dei Ministri 31 gennaio 2020, si comunica che L’Ufficio Trasporto scolastico procederà ad acquisire l’ISEE d’ufficio fino al 30 aprile 2020.

Per coloro che hanno usufruito dell’agevolazione ISEE 2019 gli uffici continueranno ad emettere gli avvisi di pagamento applicando la tariffa relativa  all’anno precedente fino all’esito dell’acquisizione dell’ISEE 2020, procedendo al termine dell’anno scolastico ad effettuare i dovuti conguagli con applicazione della tariffa corrispondente all’ISEE 2020.

Attenzione: in assenza di quanto innanzi previsto, l’Ufficio procederà a calcolare la tariffa applicando il massimo della quota (100%).


13-03-20Avviso acquisizione Isee d’ufficio per i servizi mensa scolastica e nidi comunali: proroga dei termini al 30 aprile 2020

Attesa la situazione di emergenza dichiarata con delibera del Consiglio dei Ministri 31 gennaio 2020, si comunica che gli Uffici Mensa e Nidi procederanno ad acquisire l’ISEE d’ufficio fino al 30 aprile 2020.

Per coloro che hanno usufruito dell’agevolazione ISEE 2019 gli uffici continueranno ad emettere gli avvisi di pagamento applicando la tariffa relativa  all’anno precedente fino all’esito dell’acquisizione dell’ISEE 2020, procedendo al termine dell’anno scolastico ad effettuare i dovuti conguagli con applicazione della tariffa corrispondente all’ISEE 2020.

Attenzione: in assenza di quanto innanzi previsto, l’Ufficio procederà a calcolare la tariffa applicando il massimo della quota (100%).

 

13-03-20 Pronto Farmaco, arriva a Pomezia il servizio di consegna a domicilio

È attivo da oggi Pronto Farmaco, il servizio gratuito di consegna a domicilio dei farmaci rivolto alle persone affette da disabilità, con gravi patologie, o anziane con più di 65 anni, prive di una rete familiare e di vicinato che le possa supportare presso la propria abitazione.

Il servizio, promosso dalle Farmacie comunali di Pomezia con il prezioso supporto della Croce Rossa Italiana e della Confraternita Misericordia di Pomezia, vuole arginare la diffusione del Covid 19 e venire incontro a chi è più in difficoltà.

“In questa fase così delicata – ha evidenziato l’Assessore Miriam Delvecchio – è necessario supportare le fasce più deboli della popolazione, come gli anziani che dobbiamo cercare di proteggere il più possibile dal contagio. Richiedere il servizio è molto semplice: basta chiamare il numero dedicato negli orari prefissati, i farmaci verranno consegnati a domicilio gratuitamente”.

“Un’iniziativa importante – ha aggiunto il Sindaco Adriano Zuccalà – che stiamo mettendo in piedi in collaborazione con la rete delle associazioni del territorio. Grazie alla nostra Protezione civile abbiamo attivato la consegna della spesa a domicilio, oggi attiviamo anche questo servizio che tutelare chi è più a rischio, perché nessuno deve rimanere indietro”.   

💊 PRONTO FARMACO, COME FUNZIONA?
👉🏻 CHI PUÒ RICHIEDERLO?
Tutte le persone affette da disabilità, con gravi patologie, o anziane con più di 65 anni, impossibilitate ad effettuare il ritiro
👉🏻 COME SI RICHIEDE?
Chiamando il numero 3336603392
👉🏻 QUANTO COSTA?
Il servizio è gratuito
👉🏻 QUANDO SI DEVE RICHIEDERE?
Il servizio di prenotazione è attivo dalle 9.00 alle 12.00 dal lunedì al venerdì
👉🏻 QUANDO AVVIENE LA CONSEGNA?
I farmaci verranno consegnati dalle 17.30 in poi dal lunedì al venerdì
COME POSSO CHIEDERE INFORMAZIONI?
👉🏻 Chiamando il numero 3336603392

 

12-03-20 Aggiornamento Coronavirus, nessun nuovo caso oggi nella ASL RM 6. La Protezione Civile attiva a Pomezia la consegna della spesa a domicilio

La Regione Lazio comunica che nella Asl RM 6 non si registra nessun nuovo caso positivo. Inoltre sono 54 le persone uscite dalla sorveglianza domiciliare.

Si informa inoltre la cittadinanza che è attivo da oggi 12 marzo 2020 a Pomezia il servizio della Protezione civile Echo di consegna della spesa a domicilio. Il servizio è rivolto alle persone affette da disabilità, con gravi patologie, o anziane con più di 65 anni, prive di una rete familiare e di vicinato che le possa supportare presso la propria abitazione. Per accedere al servizio è necessario contattare il numero 06 9100586 dal lunedì al venerdì dalle 10.00 alle 12.00. Il personale incaricato raccoglierà le richieste pervenute e si recherà presso gli utenti nelle ore pomeridiane. Potranno essere acquistati SOLO generi di prima necessità (acqua, pasta, olio, scatolame). E’ possibile pagare esclusivamente in contanti.


 
 

12-03-20 Aggiornamento Coronavirus, comunicazione Poste Italiane

Poste Italiane comunica che a partire da oggi gli Uffici postali nel Comune di Pomezia potranno subire chiusure, modifiche o riduzioni dell'orario consueto. Un apposito avviso al pubblico sarà esposto per le debite informazioni alla clientela oltre che sul sito istituzionale di Poste Italiane.

 

12-03-20 Aggiornamento Coronavirus, Nuovo Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri dell'11 Marzo: chiuse tutte le attività commerciali, ristoranti, bar e parrucchieri dal 12 al 25 marzo 2020

Si informa la cittadinanza che, con Decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri del l’11 marzo 2020 contenenti misure riguardanti il contrasto e il contenimento sull'intero territorio nazionale del diffondersi del Coronavirus, è disposta:

-Sospensione delle attività commerciali al dettaglio, fatta eccezione per le attività di vendita di generi alimentari e di prima necessità individuate nell’allegato 1, sia nell’ambito degli esercizi commerciali di vicinato, sia nell’ambito della media e grande distribuzione, anche ricompresi nei centri commerciali, purché sia consentito l’accesso alle sole predette attività. Sono chiusi, indipendentemente dalla tipologia di attività svolta, i mercati, salvo le attività dirette alla vendita di soli generi alimentari. Restano aperte le edicole, i tabaccai, le farmacie, le parafarmacie. Deve essere in ogni caso garantita la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.

-Sospensione delle attività dei servizi di ristorazione (fra cui bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie), ad esclusione delle mense e del catering continuativo su base contrattuale, che garantiscono la distanza di sicurezza interpersonale di un metro. Resta consentita la sola ristorazione con consegna a domicilio nel rispetto delle norme igienico-sanitarie sia per l’attività di confezionamento che di trasporto. Restano, altresì, aperti gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande posti nelle aree di servizio e rifornimento carburante situati lungo la rete stradale, autostradale e all’interno delle stazioni ferroviarie, aeroportuali, lacustri e negli ospedali garantendo la distanza di sicurezza interpersonale di un metro.

-Sospensione delle attività inerenti i servizi alla persona (fra cui parrucchieri, barbieri, estetisti) esclusi: lavanderia e pulitura di articoli tessili e pelliccia;  attività delle lavanderie industriali; altre lavanderie, tintorie; servizi di pompe funebri e attività connesse.

-Restano garantiti, nel rispetto delle norme igienico-sanitarie, i servizi bancari, finanziari, assicurativi nonché l’attività del settore agricolo, zootecnico di trasformazione agro-alimentare comprese le filiere che ne forniscono beni e servizi.

ALLEGATO 1 – ATTIVITA’ CHE RIMANGONO APERTE

COMMERCIO AL DETTAGLIO
Ipermercati
Supermercati
Discount di alimentari
Minimercati ed altri esercizi non specializzati di alimentari vari
Commercio al dettaglio di prodotti surgelati
Commercio al dettaglio in esercizi non specializzati di computer, periferiche, attrezzature per le telecomunicazioni, elettronica di consumo audio e video, elettrodomestici
Commercio al dettaglio di prodotti alimentari, bevande e tabacco in esercizi specializzati (codici ateco: 47.2)
Commercio al dettaglio di carburante per autotrazione in esercizi specializzati
Commercio al dettaglio apparecchiature informatiche e per le telecomunicazioni (ICT) in esercizi specializzati (codice ateco: 47.4)
Commercio al dettaglio di ferramenta, vernici, vetro piano e materiale elettrico e termoidraulico
Commercio al dettaglio di articoli igienico-sanitari
Commercio al dettaglio di articoli per l'illuminazione
Commercio al dettaglio di giornali, riviste e periodici
Farmacie
Commercio al dettaglio in altri esercizi specializzati di medicinali non soggetti a prescrizione medica
Commercio al dettaglio di articoli medicali e ortopedici in esercizi specializzati
Commercio al dettaglio di articoli di profumeria, prodotti per toletta e per l'igiene personale
Commercio al dettaglio di piccoli animali domestici
Commercio al dettaglio di materiale per ottica e fotografia
Commercio al dettaglio di combustibile per uso domestico e per riscaldamento
Commercio al dettaglio di saponi, detersivi, prodotti per la lucidatura e affini
Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato via internet
Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto effettuato per televisione
Commercio al dettaglio di qualsiasi tipo di prodotto per corrispondenza, radio, telefono
Commercio effettuato per mezzo di distributori automatici

 
 
 

11-03-20 Aggiornamento Coronavirus, contagi a Pomezia: ad oggi situazione stabile

Situazione stabile in questi giorni a Pomezia per quanto riguarda i contagi da Coronavirus. Non risultano ad oggi nuovi casi di positività sul nostro territorio. Proseguono le attività di sanificazione e igienizzazione delle scuole in cui si sono verificati i casi.

“Una buona notizia per la nostra Città – commenta il Sindaco – Ma bisogna mantenere alta l’attenzione. Invito ancora una volta la cittadinanza ad attenersi alle prescrizioni ministeriali e a uscire di casa solo in caso di necessità. Per quanto riguarda i servizi comunali invito tutti a utilizzare i servizi on line e, solo per casi urgenti, a chiamare gli uffici per un appuntamento”.

💼 ACCESSO CONTINGENTATO NEGLI UFFICI COMUNALI Abbiamo disposto l’accesso contingentato e su appuntamento agli uffici comunali da parte della cittadinanza, ad esclusione dei casi indifferibili ed urgenti. Stiamo lavorando per tutelare la salute della cittadinanza e il benessere dei dipendenti comunali, senza bloccare la macchina amministrativa.

👮🏻‍♂👮🏻‍♀CONTROLLI I nostri agenti della Polizia locale stanno vigilando sul territorio per far rispettare il divieto di assembramenti. Sono stati eseguiti controlli presso il mercato di Torvaianica, presso bar, ristoranti e altre attività commerciali al fine di verificare l'attuazione delle prescrizioni previste e le chiusure obbligatorie alle ore 18.00.

👨🏻‍🔬👩🏻‍🔬SANIFICAZIONE AMBIENTI Stiamo procedendo, in collaborazione con le scuole, alla sanificazione e igienizzazione degli istituti scolastici oggetto dei casi di contagio (liceo Pascal e Istituto comprensivo Pestalozzi). Per tutti gli altri istituti scolastici sono state inviate le linee guida di pulizia e sanificazione previste dal Ministero della Salute. Sono state inoltre previste pulizie straordinarie per la Biblioteca comunale e per gli uffici pubblici. Tutti insieme possiamo fare la differenza. Oggi più che mai è necessario aderire concretamente alla campagna lanciata dal Ministero della Salute: #IoRestoaCasa  

🍝 Si potrà sempre uscire per acquistare generi alimentari
🛒 NON c’è alcuna necessità di accaparrarseli ora 
🚛 Nessun limite al transito delle merci, i corrieri possono circolare Mi raccomando, informatevi solo attraverso i canali ufficiali.

Per tutte le notizie aggiornate: ➡ http://www.comune.pomezia.rm.it/coronavirus
Hai altri dubbi? Consulta la nostra pagina dedicata: ➡ http://www.comune.pomezia.rm.it/faq_covid_19
Per le domande frequenti sulle misure adottate dal Governo: ➡ http://bit.ly/dpcm_IoRestoaCasa

 
 

11-03-20Aggiornamento Coronavirus, Acea chiude gli sportelli fisici. Si invita la cittadinanza ad usufruire dei servizi on line

Si informa la cittadinanza che, vista l’emergenza Coronavirus, Acea ATO2 ha previsto la chiusura di tutti i punti di contatto sul territorio e la regolamentazione dell'accesso presso lo sportello provinciale di piazzale Ostiense per evitare situazioni di assembramento. Si invita quindi la cittadinanza a utilizzare i canali alternativi: web, app e numeri verdi.

 
 

11-03-20Aggiornamento Coronavirus, nuova ordinanza del Presidente della Regione Lazio. Chiusi anche i centri estetici

Si informa la cittadinanza che, con ordinanza del Presidente della Regione Lazio di ieri 10 marzo 2020, si dispone la chiusura anche di centri estetici, centri tatuaggi, autonomi o inseriti all’interno di altre strutture o esercizi commerciali e strutture termali. Inoltre gli esercizi che svolgono attività di somministrazione di alimenti e bevande e tutti i soggetti che trasformano, producono, tengono in deposito o comunque manipolano per poi vendere o somministrare prodotti alimentari, in relazione all'attività svolta, sono tenuti all’utilizzo obbligatorio di mascherine e guanti.

FAQ del GOVERNO


 
 

10-03-20 Misure urgenti di contenimento del contagio da Covid19, informazione e controlli nelle attività commerciali, bar, ristoranti e mercato


Nella giornata di oggi la Polizia locale di Pomezia ha effettuato i controlli per il rispetto delle prescrizioni previste dal decreto del presidente del consiglio del 9 marzo. Fin dal mattino sono stati eseguiti controlli presso il mercato di Torvaianica e, nel corso della giornata, presso bar, ristoranti e altre attività commerciali al fine di verificare l'attuazione delle prescrizioni previste e le chiusure obbligatorie alle ore 18.00.

"Ringrazio gli esercenti che stanno lavorando nel rispetto delle regole in un momento così delicato –  dichiara il Sindaco Adriano Zuccalà –  invito tutte le attività ad attenersi alle prescrizioni del decreto onde evitare le sanzioni previste, tra cui la sospensione dell'attività”.

 

10-03-20Servizi comunali a Pomezia, le disposizioni del Sindaco

Si informa la cittadinanza che, al fine di limitare la possibilità di contagio da Covid19 nei locali comunali, il Sindaco di Pomezia Adriano Zuccalà ha disposto con ordinanza n. 10 del 10 marzo 2020 l’accesso contingentato e su appuntamento agli uffici comunali da parte della cittadinanza, ad esclusione dei casi indifferibili ed urgenti. Si invitano pertanto i cittadini a utilizzare i servizi on line messi a disposizione dall’Ente: www.comune.pomezia.rm.it/servizi_online e/o a contattare gli uffici via telefono o mail solo in caso di effettiva necessità:www.comune.pomezia.rm.it/contatti_uffici_nuovo 

Si comunica inoltre che, con delibera di Giunta, l’Amministrazione comunale ha avviato le procedure per l’attivazione dello smart working per i dipendenti del Comune di Pomezia, usufruibile, in accordo con i dirigenti di settore, a partire da domani mercoledì 11 marzo e fino al 3 aprile prossimo.

“Stiamo lavorando minuto per minuto per tutelare la salute della cittadinanza e il benessere dei dipendenti comunali, senza bloccare la macchina amministrativa”, dichiara il Primo Cittadino.

Si informa inoltre che per gli istituti scolastici oggetto dei casi di contagio (liceo Pascal e Istituto comprensivo Pestalozzi), il Comune, in collaborazione con le scuole, sta procedendo in queste ore alla sanificazione e igienizzazione delle strutture. Per tutti gli altri istituti scolastici sono state inviate le linee guida di pulizia e sanificazione previste dal Ministero della Salute.

Sono state inoltre previste pulizie straordinarie per la Biblioteca comunale e per gli uffici pubblici.

 
 

10-03-20 Esenzione ticket per reddito: proroga al 30 giugno 2020

Si informa la cittadinanza che la scadenza per il rinnovo dei certificati annuali di esenzione ticket per reddito  è stata prorogata al 30 giugno 2020. Lo comunica la direzione del Distretto sanitario RM 6.4, che esprime soddisfazione “per il comportamento civile tenuto dai cittadini che lunedì si sono presentati al presidio di via Castelli Romani. Nonostante le limitazioni di accesso a scaglioni per tutelare la salute pubblica, dovute alla situazione epidemiologica per il coronavirus, essi hanno atteso composti il loro turno di ingresso, dimostrando senso di civiltà. È di conforto che la Regione Lazio abbia disposto lo spostamento della scadenza 31 marzo al 30 giugno per i rinnovi delle esenzione ticket per reddito”.

 

10-03-20 Aggiornamento Coronavirus, da questa mattina in vigore il nuovo decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri: misure urgenti di contenimento del contagio su tutto il territorio nazionale

Si informa la cittadinanza che è in vigore da questa mattina il nuovo decreto della Presidenza del Consiglio dei Ministri che estende all’intero territorio nazionale le misure già adottate per la Regione Lombardia.

In particolare:
- È VIETATA OGNI FORMA DI ASSEMBRAMENTO di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico.
- EVITARE OGNI SPOSTAMENTO se non per comprovate esigenze di lavoro, di prima necessità e di salute. In questi ultimi casi è richiesta specifica autocertificazione da rilasciare in caso di controllo. E’ consentito il rientro presso la propria residenza, abitazione o domicilio.

SI CONSIGLIA DI PRESTARE PARTICOLARE ATTENZIONE AL RISPETTO DELLE SEGUENTI PRESCRIZIONI PENA LA SOSPENSIONE DELL’ATTIVITA’:

- SONO SOSPESE LE ATTIVITA’ DI PUB, SCUOLE DI BALLO, SALE GIOCHI, SALE SCOMMESSE E SALE BINGO, DISCOTECHE E LOCALI assimilati, con applicazione di specifiche sanzioni in caso di mancato rispetto.
-Sono CONSENTITE le attività di RISTORAZIONE E BAR DALLE 6.00 ALLE 18.00 con obbligo, a carico del gestore, di predisporre le condizioni per garantire la distanza di sicurezza.
- Sono CONSENTITE ATTIVITA’ COMMERCIALI a condizione che il gestore garantisca l’accesso ai predetti luoghi con modalità contingentate o idonee a evitare assembramenti di persone. Nei giorni festivi e prefestivi sono chiuse le medie e grandi strutture di vendita presenti all’interno dei centri commerciali e dei mercati. E’ quindi confermata la CHIUSURA DEL MERCATO settimanale di SABATO a Pomezia e disposta la CHIUSURA DEL MERCATO domenicale di CAMPO ASCOLANO. Sarà inoltre chiuso il mercato Coldiretti di giovedì in piazza San Benedetto perché non riesce a rispettare le prescrizioni disposte dal Decreto.
- La CHIUSURA NON E’ DISPOSTA per le FARMACIE, PARAFARMACIE, ALIMENTARI.Si comunica che i negozi di alimentari saranno sempre aperti quindi non è necessario affollare i suddetti nel reperimento dei generi alimentari.
- CHIUSE PALESTRE, CENTRI SPORTIVI, PISCINE, centri natatori, centri benessere, centri termali, centri culturali, centri sociali, centri ricreativi.

- l’apertura dei luoghi di culto è condizionata all’adozione di misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi, e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza tra loro di almeno un metro. SONO SOSPESE LE CERIMONIE CIVILI E RELIGIOSE, IVI COMPRESE QUELLE FUNEBRI. La Diocesi di Albano ha sospeso anche la celebrazione delle messe.
- E’ SOSPESA L’APERTURA DEI MUSEI E DEGLI ALTRI ISTITUTI E LUOGHI DELLA CULTURA
- Sono sospesi i congedi ordinari del personale sanitario.
- Ai soggetti CON FEBBRE MAGGIORE DI 37,5° C è fortemente RACCOMANDATO DI RIMANERE A CASA, limitare al massimo i contatti sociali e chiamare il medico curante.
- DIVIETO assoluto di mobilità per i SOGGETTI POSTI IN QUARANTENA.
- Si raccomanda ai datori di lavoro pubblici e privati di favorire la fruizione di periodi di congedo ordinario e di ferie. La MODALITÀ DI LAVORO AGILE può essere applicata, per la durata dello stato di dai datori di lavoro a ogni rapporto di lavoro subordinato, anche in assenza degli accordi individuali previsti.
- Attività didattica delle SCUOLE di ogni ordine e grado e servizi educativi per l’infanzia SOSPESI FINO AL 3 APRILE.

 
 
 

09-03-20 Pomezia, riapertura contingentata e in sicurezza dei mercati di Torvaianica, Campo Ascolano e Coldiretti di Pomezia

Il Sindaco di Pomezia ha firmato l’ordinanza per la riapertura, controllata e in sicurezza, dei mercati del martedì a Torvaianica, giovedì a Pomezia (mercato Campagna Amica) e domenica a Campo Ascolano. Il provvedimento, condiviso con i rappresentanti dei mercati, prevede una serie di prescrizioni al fine di impedire l’assembramento di persone e il rispetto delle prescrizioni previste dai decreti Ministeriali e della Regione Lazio. Tra queste:

1. dare adeguata informazione e visibilità mediante le apposite infografiche diffuse dal Ministero della Salute e dalla regione Lazio, da affiggersi agli ingressi del mercato e presso tutti i banchi circa le misure di prevenzione da adottarsi per contrastare il fenomeno epidemiologico;
2. curare che presso ogni banco di vendita sia disponibile un dispenser per il lavaggio chimico delle mani o soluzione idroalcolica;
3. curare che tutti gli operatori, in particolar modo quelli del settore alimentare, seguano le prescrizioni igieniche previste dal DPCM;
4. assicurare, con personale fornito dagli operatori e facilmente identificabile con badge o fratino distintivo, posizionato agli accessi del mercato il controllo di flusso e stazionamento dei visitatori nell’area;
5. posizionare sul percorso mercatale opportuna transennatura, ovvero paline segnaletiche, ovvero segnaletica adesiva sul manto stradale, per distanziare il flusso dei visitatori;
6. ridurre gli spazi di occupazione, ovvero riposizionare il banco di vendita in modo tale da garantire la distanza di metri 3 tra un banco e l'altro orizzontalmente e metri 5 tra un banco e l'altro frontalmente.

Si raccomanda di uscire solo ed esclusivamente per motivi inderogabili e di prima necessità, come ad esempio per fare la spesa.

Per quanto riguarda il mercato di Pomezia del sabato, non potendo garantire il rispetto delle prescrizioni, attualmente rimane sospeso.

“Diamo la possibilità alla cittadinanza di fare la spesa per i beni di prima necessità in un luogo controllato e all’aria aperta – dichiara il Primo Cittadino – la collaborazione della cittadinanza e degli stessi operatori commerciali sarà comunque fondamentale. Rimane fermo l’invito muoversi ESCLUSIVAMENTE nei casi strettamente necessari, invito tutte le strutture private ad adottare le stesse misure di sicurezza – conclude il Sindaco – perché saranno effettuati controlli per garantire il rispetto delle prescrizioni”.

 
 

09-03-20 Pomezia. Aggiornamento Coronavirus. Ad oggi sono 16 le persone positive al Covid19

Si informa la cittadinanza che la Asl ha comunicato due nuovi casi di coronavirus a Pomezia, anch’essi legati alle persone già risultate positive nei giorni scorsi, entrambi in isolamento domiciliare.

Si raccomanda a tutta la cittadinanza di seguire le indicazioni del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri e dell’ordinanza regionale.

In particolare si ricorda che:
Tutte le persone che nei quattordici giorni precedenti alla data dell’8 Marzo hanno fatto ingresso, stanno facendo o faranno ingresso nella Regione Lazio provenienti dalla Lombardia e dalle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia, hanno l’obbligo:
- di comunicare tale circostanza al numero unico regionale 800 118 800;
- di osservare la permanenza domiciliare, il divieto di spostamenti e viaggi e di rimanere raggiungibile per ogni eventuale attività di sorveglianza;
- le disposizioni di cui sopra non si applicano nel caso in cui le persone provenienti dalle zone geografiche menzionate siano operatori SSR laziali.

In caso di comparsa dei sintomi, la persona deve osservare le disposizioni dell’Ordinanza 2/2020, che qui riportiamo e ricordiamo:
- avvertire immediatamente i medici di medicina generale, pediatri di libera scelta e l’operatore di Sanità pubblica che attiva presso il domicilio la procedura di esecuzione del test;
- indossare la mascherina chirurgica (da fornire all’avvio del protocollo) e allontanarsi dagli altri conviventi;
- rimanere nella sua stanza con la porta chiusa garantendo un’adeguata ventilazione naturale, in attesa di un eventuale trasferimento in ospedale.

 
 

08-03-20Aggiornamento Coronavirus, emanata Ordinanza della Regione Lazio: chiuse piscine, palestre e centri benessere


Si informa la cittadinanza che è stata appena firmata un’Ordinanza da parte della Regione Lazio recante Misure per la prevenzione e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid 19.

Il provvedimento si rivolge ALLE PERSONE PROVENIENTI DALLE ZONE ROSSE d’Italia.
Più precisamente:- Tutte le persone che nei quattordici giorni precedenti alla data dell’8 Marzo hanno fatto ingresso, stanno facendo o faranno ingresso nella Regione Lazio provenienti dalla Lombardia e dalle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso e Venezia, hanno l’obbligo:
- di comunicare tale circostanza al numero unico regionale 800 118 800;
- di osservare la permanenza domiciliare, il divieto di spostamenti e viaggi e di rimanere raggiungibile per ogni eventuale attività di sorveglianza;
- le disposizioni di cui sopra non si applicano nel caso in cui le persone provenienti dalle zone geografiche menzionate siano operatori SSR laziali.

In caso di comparsa dei sintomi, la persona deve osservare le disposizioni dell’Ordinanza 2/2020, che qui riportiamo e ricordiamo:- avvertire immediatamente i medici di medicina generale, pediatri di libera scelta e l’operatore di Sanità pubblica che attiva presso il domicilio la procedura di esecuzione del test;
- indossare la mascherina chirurgica (da fornire all’avvio del protocollo) e allontanarsi dagli altri conviventi;
- rimanere nella sua stanza con la porta chiusa garantendo un’adeguata ventilazione naturale, in attesa di un eventuale trasferimento in ospedale.

Ai concessionari di servizi di trasporto aereo, ferroviario e autostradale è fatto obbligo di acquisire e mettere a disposizione delle Forze dell’Ordine e dell’Unità di Crisi regionale i nominativi dei viaggiatori, relativamente alle tratte provenienti da Milano o dalle Province succitate.
È disposta con decorrenza immediata e fino a nuove disposizioni, in aggiunta alle misure di cui al Dpcm 8 marzo 2020 la SOSPENSIONE SUL TERRITORIO REGIONALE delle seguenti attività: PISCINE, PALESTRE E CENTRI BENESSERE.

 

08-03-20Aggiornamento Coronavirus, deceduta la donna 90enne di Ardea positiva al COVID19. 480 persone in sorveglianza domiciliare


Si informa la cittadinanza che la Asl Roma 6 ha comunicato il decesso della donna di 90 anni di Ardea positiva al Covid19 e ricoverata presso la Clinica Sant’Anna di Pomezia. Informa inoltre che nel nostro territorio ci sono 480 persone in sorveglianza domiciliare, sembra tutte legate ai casi positivi comunicati nei giorni scorsi.  

Il Sindaco Zuccalà: “Le mie più vive condoglianze alla famiglia della signora deceduta. Le persone poste in sorveglianza domiciliare nella nostra Città sembra siano tutte legate ai casi risultati positivi nei giorni scorsi. Si raccomanda a tutta la cittadinanza di seguire le indicazioni del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri. E’ importante in questo momento essere responsabili e rimanere uniti”.

 

08-03-20Aggiornamento Coronavirus a Pomezia, sospesi matrimoni e funerali. Chiusi i Musei

Con nuovo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, il Governo italiano ha varato le misure allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del Coronavirus. Le misure sono efficaci dall’8 marzo, salve diverse previsioni contenute nelle singole misure, fino al 3 aprile 2020.

Come da suddetto Decreto, fino al 3 aprile sono sospese le cerimonie civili e religiose, ivi comprese quelle funebri. Chiusi il Museo Città di Pomezia - Laboratorio del Novecento e il Museo Archeologico Lavinium.

 

MISURE SULL’INTERO TERRITORIO NAZIONALE PER CONTRASTARE IL DIFFONDERSI DEL CORONAVIRUS. I PUNTI PRINCIPALI

Più precisamente sull’intero territorio nazionale:

- SONO SOSPESI I CONGRESSI, le riunioni, i meeting e gli eventi sociali, IN CUI E’ COINVOLTO PERSONALE SANITARIO o personale incaricato dello svolgimento di servizi pubblici essenziali o di pubblica utilità. TUTTE LE ALTRE ATTIVITA’ CONVEGNISTICHE O CONGRESSUALI SONO RIMANDATE;
- SONO SOSPESE LE ATTIVITA’ DI PUB, SCUOLE DI BALLO, SALE GIOCHI, SALE SCOMMESSE E SALE BINGO, DISCOTECHE E LOCALI assimilati, con applicazione di specifiche sanzioni in caso di mancato rispetto;
- SONO SOSPESE LE MANIFESTAZIONI, GLI EVENTI E GLI SPETTACOLI DI QUALSIASI NATURA, IVI INCLUSI QUELLI CINEMATOGRAFICI E TEATRALI, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato
- E’ SOSPESA L’APERTURA DEI MUSEI E DEGLI ALTRI ISTITUTI E LUOGHI DELLA CULTURA
- CONSENTITA L’ATTIVITA’ di RISTORAZIONE E BAR, con obbligo, a carico del gestore, di far rispettare la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro, con sanzione della sospensione dell’attività in caso di violazione;
- è fortemente raccomandato che il gestore di esercizi commerciali diversi da quelli della lettera precedente, all’aperto e al chiuso, che il gestore garantisca l’adozione di misure organizzative tali da consentire un accesso ai predetti luoghi con modalità contingentate o comunque idonee ad evitare assembramenti di persone, nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro tra i visitatori;
- SONO SOSPESI gli EVENTI E LE COMPETIZIONI SPORTIVE di ogni ordine e disciplina, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato. Sono ammessi eventi sportivi, comprese le sedute di allenamento, se effettuate all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, o all’aperto senza la presenza di pubblico. LO SPORT DI BASE e le attività motorie in genere, svolte ALL’APERTO O ALL’INTERNO DI PALESTRE, PISCINE E CENTRI SPORTIVI di ogni tipo, sono ammessi esclusivamente a condizione che sia possibile mantenere in ogni contatto sociale una distanza interpersonale di almeno un metro;
- FINO AL 15 MARZO SONO SOSPESI I SERVIZI EDUCATIVI PER L’INFANZIA (nidi, scuole dell’infanzia, ludoteche, centri per bambini e famiglie, servizi educativi in contesti domiciliari), LE ATTIVITA’ DIDATTICHE NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO E NELLE UNIVERSITA’. Sono esclusi dalla sospensione i corsi post universitari connessi con l’esercizio di professioni sanitarie.
- i dirigenti scolastici attivano, per tutta la durata della sospensione delle attività didattiche nelle scuole, MODALITÀ DI DIDATTICA A DISTANZA avuto anche riguardo alle specifiche esigenze degli studenti con disabilità;- sono SOSPESI I VIAGGI D’ISTRUZIONE, le iniziative di scambio o gemellaggio, le visite guidate e le USCITE DIDATTICHE comunque denominate, programmate dalle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado;
- l’ACCESSO DI PARENTI E VISITATORI a strutture di ospitalità e lungo degenza, residenze sanitarie assistite (RSA) e strutture residenziali per anziani, autosufficienti e non, E’ LIMITATA ai soli casi indicati dalla direzione sanitaria della struttura, che è tenuta ad adottare le misure necessarie a prevenire possibili trasmissioni di infezione;
- è fatto DIVIETO agli accompagnatori dei pazienti di PERMANERE NELLE SALE DI ATTESE dei dipartimenti emergenze e accettazione e dei pronto soccorso (DEA/PS), salve specifiche diverse indicazioni del personale sanitario preposto;
- la MODALITÀ DI LAVORO AGILE può essere applicata, per la durata dello stato di emergenza di cui alla deliberazione del Consiglio dei ministri 31 gennaio 2020, dai datori di lavoro a ogni rapporto di lavoro subordinato, anche in assenza degli accordi individuali previsti; qualora sia possibile, si raccomanda ai datori di lavoro di favorire la fruizione di periodi di congedo ordinario o di ferie;
- l’apertura dei luoghi di culto è condizionata all’adozione di misure organizzative tali da evitare assembramenti di persone, tenendo conto delle dimensioni e delle caratteristiche dei luoghi, e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza tra loro di almeno un metro. SONO SOSPESE LE CERIMONIE CIVILI E RELIGIOSE, IVI COMPRESE QUELLE FUNEBRI;
- DIVIETO ASSOLUTO DI MOBILITA’ dalla propria abitazione o dimora PER I SOGGETTI sottoposti alla misura della QUARANTENA ovvero risultati positivi al virus
- si raccomanda a tutte le PERSONE ANZIANE O AFFETTE DA PATOLOGIE CRONICHE o con multimorbilità ovvero con stati di immunodepressione congenita o acquisita, di evitare di uscire dalla propria abitazione o dimora fuori dai casi di stretta necessità e di evitare comunque luoghi affollati nei quali non sia possibile mantenere la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.
- SI RACCOMANDA DI LIMITARE OVE POSSIBILE GLI SPOSTAMENTI DELLE PERSONE FISICHE ai casi strettamente necessari
- ai soggetti con sintomatologia da infezione respiratoria e febbre (maggiore di 37,5° C) è fortemente raccomandato di rimanere presso il proprio domicilio e di limitare al massimo i contatti sociali, contattando il proprio medico curante.

 
 

07-03-20 Aggiornamento Coronavirus a Pomezia, 14 casi confermati
Si informa la cittadinanza che ad oggi sono 14 i casi risultati positivi al Covid 19 sul territorio cittadino. Dalle prime indagini effettuate sembra siano tutti riconducibili a link epidemiologico noto. 

Istituzioni nazionali e locali lavorano senza sosta per fronteggiare l'emergenza coronavirus. La collaborazione dei cittadini è fondamentale per rendere efficaci le misure adottate.

Si ricorda che tutte le sei farmacie comunali del territorio – grazie anche al prezioso supporto della Croce Rossa Italiana - Comitato di Pomezia – distribuiscono gratuitamente la soluzione idroalcolica per il lavaggio delle mani ai cittadini che si recano presso le farmacie con un contenitore in plastica (massimo 60 ml a persona).

 

06-03-20 Aggiornamento Coronavirus, domani mattina alle 8 riapre il Pronto Soccorso della Clinica Sant'Anna
Si informa la cittadinanza che domani mattina 7 marzo alle 8 riaprirà il Pronto Soccorso della Casa di Cura Sant'Anna di Pomezia dopo la chiusura in via precauzionale di questa mattina. Il Sindaco Adriano Zuccalà: "Ringrazio tutto il personale, la Dirigenza e tutti coloro che hanno collaborato, dando il massimo in queste ore per ripristinare un servizio essenziale della nostra città e di tutto il quadrante litorale".

 

06-03-20 Aggiornamento Coronavirus a Pomezia, accessi Pronto Soccorso Clinica Sant'Anna sospesi in via precauzionale

Si informa che è stata sospesa a scopo precauzionale l'accettazione al Pronto Soccorso della Clinica Sant'Anna di Pomezia per consentire la gestione di due casi positivi al #COVID19, di cui uno in valutazione per invio in sorveglianza domiciliare.

Si invita la cittadinanza PER TUTTE LE PATOLOGIE CHE NON RIGUARDANO IL CORONAVIRUS a contattare il numero 118 e a prendere come riferimento il Pronto Soccorso del Nuovo Ospedale dei Castelli e gli Ospedali riuniti di Anzio e Nettuno.

Seguiranno aggiornamenti.

 

06-03-20 Avviso - Sospensione mercati settimanali fino al 15 marzo

Si informa la cittadinanza che sono stati sospesi i mercati settimanali che si svolgono nel territorio del Comune di Pomezia nelle giornate del martedì, sabato e domenica, nonché del mercato denominato “campagna amica” del giovedì, fino al 15 marzo 2020, salvo nuove disposizioni.

 

05-03-20Pomezia Aggiornamento Coronavirus, confermati altri 3 casi positivi

Si informa la cittadinanza che sono risultati positivi al Covid 19 altri 3 cittadini del territorio: 2 di Pomezia e 1 di Ardea. Uno studente del liceo Pascal, compagno di classe del primo studente positivo, attualmente a casa in isolamento; e due persone attualmente ricoverate presso la Clinica Sant'Anna di Pomezia, di cui una signora 90enne di Ardea. Siamo in attesa di ulteriori informazioni da parte della Asl. Seguiranno aggiornamenti.

Si invita la cittadinanza PER TUTTE LE PATOLOGIE CHE NON RIGUARDANO IL CORONAVIRUS a contattare il numero 118 e a prendere come riferimento i due presidi ospedalieri di Anzio e dei Castelli Romani.


 
 

05-03-20 Avviso Annullati tutti gli eventi in programma fino al 3 aprile

Si informa la cittadinanza che come previsto dal Decreto della presidenza del Consiglio dei Ministri recante ‘Misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19’, sono annullati tutti gli eventi in programma fino al 3 aprile 2020.

Rinviati a data da destinarsi gli spettacoli teatrali, gli eventi in calendario al Museo Città di Pomezia - Laboratorio del Novecento e al Museo archeologico Lavinium, l’incontro pubblico di cittadinanza attiva e  tutte le manifestazioni, gli eventi e gli spettacoli in programma.

Si informa inoltre che sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina salvo i casi previsti dal suddetto Decreto articolo 1 lettera c:

sono sospesi altresì gli eventi e le competizioni sportive di ogni ordine e disciplina, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato; resta comunque consentito, nei comuni diversi da quelli di cui all’allegato 1 al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 1° marzo 2020, e successive modificazioni, lo svolgimento dei predetti eventi e competizioni, nonché delle sedute di allenamento degli atleti agonisti, all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, ovvero all’aperto senza la presenza di pubblico; in tutti tali casi, le associazioni e le società sportive, a mezzo del proprio personale medico, sono tenute ad effettuare i controlli idonei a contenere il rischio di diffusione del virus COVID-19 tra gli atleti, i tecnici, i dirigenti e tutti gli accompagnatori che vi partecipano. Lo sport di base e le attività motorie in genere, svolte all’aperto ovvero all’interno di palestre, piscine e centri sportivi di ogni tipo, sono ammessi esclusivamente a condizione che sia possibile consentire il rispetto della raccomandazione di cui all’allegato 1, lettera d (ossia, mantenimento, nei contatti sociali, di una distanza interpersonale di almeno un metro).


 

05-03-20 MISURE SULL’INTERO TERRITORIO NAZIONALE PER CONTRASTARE IL DIFFONDERSI DEL CORONAVIRUS. I PUNTI PRINCIPALI

Con Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, il Governo italiano ha varato le misure allo scopo di contrastare e contenere il diffondersi del Coronavirus. Le misure sono efficaci dal 3 marzo, salve diverse previsioni contenute nelle singole misure, fino al 3 aprile 2020.

Più precisamente:

- FINO AL 15 MARZO SONO SOSPESI I SERVIZI EDUCATIVI PER L’INFANZIA (nidi, scuole dell’infanzia, ludoteche, centri per bambini e famiglie, servizi educativi in contesti domiciliari), LE ATTIVITA’ DIDATTICHE NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO E NELLE UNIVERSITA’. Sono esclusi dalla sospensione i corsi post universitari connessi con l’esercizio di professioni sanitarie.

- i dirigenti scolastici attivano, per tutta la durata della sospensione delle attività didattiche nelle scuole, MODALITÀ DI DIDATTICA A DISTANZA avuto anche riguardo alle specifiche esigenze degli studenti con disabilità;

- SONO SOSPESI I CONGRESSI, le riunioni, i meeting e gli eventi sociali, IN CUI E’ COINVOLTO PERSONALE SANITARIO o personale incaricato dello svolgimento di servizi pubblici essenziali o di pubblica utilità. TUTTE LE ALTRE ATTIVITA’ CONVEGNISTICHE O CONGRESSUALI SONO RIMANDATE;

- SONO SOSPESE LE MANIFESTAZIONI E GLI EVENTI E GLI SPETTACOLI DI QUALSIASI NATURA svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato, che comportano affollamento di persone tale da non consentire il rispetto della distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro;

- SONO SOSPESI gli EVENTI E LE COMPETIZIONI SPORTIVE di ogni ordine e disciplina, svolti in ogni luogo, sia pubblico sia privato. Sono ammessi eventi sportivi, comprese le sedute di allenamento, se effettuate all’interno di impianti sportivi utilizzati a porte chiuse, o all’aperto senza la presenza di pubblico. LO SPORT DI BASE e le attività motorie in genere, svolte ALL’APERTO O ALL’INTERNO DI PALESTRE, PISCINE E CENTRI SPORTIVI di ogni tipo, sono ammessi esclusivamente a condizione che sia possibile mantenere in ogni contatto sociale una distanza interpersonale di almeno un metro;

- sono SOSPESI I VIAGGI D’ISTRUZIONE, le iniziative di scambio o gemellaggio, le visite guidate e le USCITE DIDATTICHE comunque denominate, programmate dalle istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado;

- l’ACCESSO DI PARENTI E VISITATORI a strutture di ospitalità e lungo degenza, residenze sanitarie assistite (RSA) e strutture residenziali per anziani, autosufficienti e non, E’ LIMITATA ai soli casi indicati dalla direzione sanitaria della struttura, che è tenuta ad adottare le misure necessarie a prevenire possibili trasmissioni di infezione;

- è fatto DIVIETO agli accompagnatori dei pazienti di PERMANERE NELLE SALE DI ATTESE dei dipartimenti emergenze e accettazione e dei pronto soccorso (DEA/PS), salve specifiche diverse indicazioni del personale sanitario preposto;

- la MODALITÀ DI LAVORO AGILE può essere applicata, per la durata dello stato di emergenza di cui alla deliberazione del Consiglio dei ministri 31 gennaio 2020, dai datori di lavoro a ogni rapporto di lavoro subordinato, anche in assenza degli accordi individuali previsti;

- chiunque, a partire dal quattordicesimo giorno antecedente la data di pubblicazione del presente decreto, abbia fatto INGRESSO IN ITALIA dopo aver soggiornato in zone a rischio epidemiologico, deve COMUNICARE tale circostanza al dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria competente per territorio nonché al proprio medico di medicina generale o al pediatra di libera scelta;

- si raccomanda a tutte le PERSONE ANZIANE O AFFETTE DA PATOLOGIE CRONICHE o con multimorbilità ovvero con stati di immunodepressione congenita o acquisita, di evitare di uscire dalla propria abitazione o dimora fuori dai casi di stretta necessità e di evitare comunque luoghi affollati nei quali non sia possibile mantenere la distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.

Queste, invece, le norme igieniche da diffondere e rispettare:
- lavarsi spesso le mani;
- evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute;
- evitare abbracci e strette di mano;
- mantenimento, nei contatti sociali, di una distanza interpersonale di almeno un metro;
- igiene respiratoria (starnutire e/o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie);
- evitare l’uso promiscuo di bottiglie e bicchiere, in particolare durante l’attività sportiva;
- non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;
- coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce;
- non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;
- pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol;
- usare la mascherina solo se si sospetta di essere malati o si presta assistenza a persone malate.

 

 
 

04-03-20 Avviso - Biblioteca comunale chiusa al pubblico

Si informa la cittadinanza che la Biblioteca comunale Ugo Tognazzi resterà chiusa al pubblico per effettuare interventi di pulizia.

 

04-03-20 Aggiornamento Coronavirus, Governo dispone chiusura scuole in tutta Italia

È di questi minuti la notizia della chiusura di tutte le scuole d’Italia e le università a partire da domani, giovedì 5 marzo, fino al 15 marzo. La decisione è stata annunciata dalla ministra dell’Istruzione Lucia Azzolina insieme al presidente del Consiglio Giuseppe Conte in conferenza stampa da Palazzo Chigi.

 
 

04-03-20 Aggiornamento Coronavirus, a Pomezia nessun nuovo caso. In attesa nuove disposizioni del Governo

Il Sindaco Adriano Zuccalà fa il punto sulla situazione:

“Quanto deciso fino ad oggi, è frutto del costante confronto tra la Regione Lazio, la Asl Roma 6, lo Spallanzani e Prefettura di Roma, e colgo l’occasione per ringraziare tutti del grande lavoro che si sta portando avanti.
Mi sono sentito con la ASL pochi minuti fa e, nonostante la situazione è soggetta a continui mutamenti, ad ora non risultano nuovi casi su Pomezia.
Le persone positive al coronavirus sono quindi 7.
Al momento sono chiuse le scuole Pascal e Pestalozzi, per via dei provvedimenti presi lunedì e martedì, frequentate da tre studenti positivi al virus.
Il governo nazionale sta valutando la chiusura generalizzata di tutti gli istituti scolastici a livello nazionale, comprese altre misure restrittive su luoghi pubblici e di aggregazione, ma di questo ne avremo conferma sicuramente nelle prossime ore e rimaniamo disponibili a seguire le linee guida come fatto fino ad oggi.
Il servizio di Igiene e sanità pubblica della Asl Roma 6 ha contattato tutti i compagni di classe dei ragazzi positivi: sono sotto sorveglianza domiciliare e stanno tutti bene. È importante sottolineare che solo chi ha avuto un contatto diretto è a rischio quindi non è indispensabile che i genitori si mettano in auto quarantena.
La Asl ha contattato tutti i medici di famiglia per informarli dell’evoluzione e attivare una rete sinergica di supporto. In merito alla presunta festa ad uno stabilimento balneare di Torvaianica, i due ragazzi positivi al virus smentiscono la loro partecipazione.
Le autorità sanitarie competenti stanno lavorando senza sosta per ricostruire contatti, trasporti e soggiorni. L’indagine effettuata sui casi di Pomezia ha evidenziato un link epidemiologico con l'evento del 14 Febbraio al Forum di Assago. La sequenza temporale dell'esordio dei sintomi e l'analisi sierologica depongono per contatto non autoctono ma derivante dalla Lombardia.
A livello Comunale, Giovedì scorso ho firmato l’ordinanza di attivazione, in via precauzionale, del Centro Operativo Comunale (COC) di Protezione civile con l’obiettivo di monitorare la situazione sanitaria nel nostro territorio.
Da lunedì è iniziata la distribuzione gratuita da parte delle Farmacie Comunali delle soluzioni idroalcoliche previste dal ministero il 1/3/2020 agli uffici Comunali aperti al pubblico, alla Polizia municipale, alla Biblioteca comunale e ai Musei cittadini.
Tutte le sei farmacie comunali del territorio distribuiscono gratuitamente la soluzione idroalcolica per il lavaggio delle mani ai cittadini che si recano presso le farmacie con un contenitore in plastica (massimo 60 ml a persona).
Siamo in contatto costante con le autorità sanitarie competenti. Invito tutti ad evitare allarmismi e ad affidarsi solo alle comunicazioni ufficiali.
Seguite le prescrizioni dell'Organizzazione mondiale della sanità e del Governo: lavatevi accuratamente e spesso le mani, usate le soluzioni alcoliche per disinfettarle, se starnutite o tossite fatelo nell'incavo del gomito o in un fazzoletto, evitate strette di mano e luoghi troppo affollati.
Se avete sintomi non andate al Pronto Soccorso ed evitate il contatto con altre persone. Se avete febbre, tosse, dolori muscolari contattate telefonicamente il vostro medico di base o chiamate i numeri dedicati: 1500. Con prefisso telefonico 06 potete chiamare anche il numero 112, per tutti gli altri prefissi del Lazio 800 118 800.
Questo è il momento in cui bisogna affidarsi agli esperti e seguire accuratamente i consigli delle istituzioni, la paura è comprensibile, ma lasciamo immediatamente spazio alla razionalità e la lucidità, indispensabile in questa situazione”.

Seguiranno aggiornamenti sulle disposizioni che il Governo sta adottando in queste ore di cui non si ha ancora l’ufficialità.

 

04-03-20 Pomezia, le farmacie comunali distribuiscono gratuitamente soluzione idroalcolica per il lavaggio delle mani

Nell’ambito delle iniziative messe in campo d a l Comune di Pomezia per la prevenzione d el contagio da Covid-19, è iniziata il 2 marzo scorso la distribuzione gratuita da parte delle Farmacie Comunali delle soluzioni idroalcoliche previste dal DPCM del 1/3/2020 agli uffici Comunali aperti al pubblico, alla Polizia municipale, alla Biblioteca comunale e ai Musei cittadini . Inoltre tutte le sei farmacie comunali del territorio distribuiscono gratuitamente la soluzione idroalcolica per il lavaggio delle mani ai cittadini che si recano presso le farmacie con un contenitore in plastica (massimo 60 ml a persona).

“ Ringrazio la società Servizi in Comune per il supporto che sta dando al Comune in questi giorni – dichiara il Sindaco Zuccalà – e per aver dimostrato ancora una volta l'importanza dei presidi farmaceutici nei quartieri”.


 
 

03-03-20Aggiornamento Coronavirus, due nuovi casi a Pomezia. Ordinanza di chiusura per l’Istituto comprensivo “E. Pestalozzi” di Torvaianica

Si informa la cittadinanza che ci sono stati appena comunicati due nuovi casi all’interno del nucleo familiare di Pomezia già contagiato. Si tratta di due studenti, uno del liceo Pascal e uno della scuola media Pestalozzi.

In accordo con la Asl Roma 6, il Sindaco sta predisponendo l’ordinanza di chiusura, in via precauzionale e fino a nuova comunicazione, dell’Istituto comprensivo “E. Pestalozzi” di Torvaianica.

 
 

03-03-20Aggiornamento Coronavirus, nessun nuovo caso a Pomezia

Il bollettino dell’ospedale Spallanzani di Roma di questa mattina riporta, in riferimento a Pomezia, il ricovero dell’agente di Polizia di Stato, il cui nucleo familiare continua ad essere sottoposto a sorveglianza sanitaria domiciliare da parte della Asl competente. Non risultano ad oggi nuovi casi di cittadini di Pomezia. Si raccomanda di continuare a seguire le indicazioni fornite dalle autorità sanitarie e di tenersi informati seguendo i canali ufficiali.

 
 

03-03-20 Aggiornamento Coronavirus. Incontro con gli Assessorati regionali alla Scuola e alla Sanità: “Ad oggi non ci sono le condizioni per chiusure generalizzate”.

Si è concluso l’incontro in Regione Lazio tra gli Assessori Claudio Di Berardino e Alessio D’Amato, i Sindaci di Pomezia, Ardea, Anzio e Nettuno e i Dirigenti scolastici che ieri avevano avanzato richiesta di chiusura delle scuole.

“Gli Assessori ci hanno comunicato che ad oggi non sussistono le condizioni per chiusure generalizzate – spiega il Sindaco di Pomezia Adriano Zuccalà - Se dovesse cambiare il quadro ci riaggiorneremo e valuteremo eventuali provvedimenti, ma sulla base dell’attuale situazione non vi sono elementi scientifico-sanitari validi per la chiusura delle scuole. Comprendo la preoccupazione dei dirigenti scolastici e dei genitori, ma confidiamo nel lavoro scrupoloso della Asl”.

“Sono soddisfatto dell'incontro - conclude - È fondamentale in questa fase arrivare a una soluzione condivisa tra le parti. Ciò che è stato confermato è che occorre evitare allarmismi e lavorare tutti nella stessa direzione. Ringrazio la Regione Lazio e gli Assessori D'Amato e Di Berardino per averci convocato. Confidiamo nel lavoro scrupoloso della Asl, a cui va tutta la nostra riconoscenza”.

 
 

03-03-20Aggiornamento Coronavirus. Pomezia, indagine epidemiologica evidenzia contatto Lombardia

La Regione Lazio informa di nessun focolaio autoctono, nessun positivo residente a Roma. L'indagine epidemiologica effettuata sui casi di Pomezia evidenzia un link epidemiologico con l'evento del 14 Febbraio al Forum di Assago. La sequenza temporale dell'esordio dei sintomi e l'analisi sierologica depongono per contatto non autoctono ma derivante dalla Lombardia. Il contact racing nel quale vengono riportati nel dettaglio contatti, trasporti e soggiorni è stato immediatamente messo a disposizione del Ministero della Salute, come da protocollo. Si conferma pertanto che ad oggi non ci sono focolai nel territorio della regione Lazio e non ci sono cittadini residenti a Roma positivi al COVID19


 
 

02-03-20Aggiornamento Coronavirus. Tutti asintomatici i ragazzi, genitori e insegnanti della classe 3C del liceo Pascal, posti in sorveglianza domiciliare. Domani il Sindaco in Regione

La Regione Lazio comunica che sono stati contattati oggi telefonicamente dal servizio di igiene e sanita pubblica della Asl Roma 6 tutti i ragazzi, i genitori e gli insegnanti della classe 3 C dell'istituto Pascal di Pomezia. Sono tutti asintomatici e sono stati posti in sorveglianza domiciliare. Inoltre sono in corso i contatti con i medici di medicina generale delle famiglie per informarli dell'evoluzione. È stato inoltre contattato il maestro di pianoforte anche lui asintomatico e posto in sorveglianza domiciliare. Sono state date indicazioni per la sanificazione dell'istituto. Il Sindaco viene costantemente aggiornato. Un ringraziamento agli operatori per lo straordinario lavoro che stanno facendo per rintracciare tutti i contatti stretti. Lavoro che proseguirà durante tutta la notte e nella giornata di domani.

Si informa inoltre che l’Assessore alla Scuola della Regione Lazio Claudio Di Berardino ha convocato i Sindaci del litorale, il Dirigente dell’Ufficio scolastico regionale e i Dirigenti scolastici dell'Ambito 16 firmatari della richiesta di chiusura delle scuole per un incontro che si terrà domani 3 marzo alle ore 10.00 in Regione.

 
 

02-03-20Aggiornamento Coronavirus a Pomezia, il bollettino medico dello Spallanzani conferma positività ai test per la moglie, i figli e la cognata del cittadino pometino, sottoposti a sorveglianza domiciliare da parte della Asl

Si comunica che, il Bollettino medico diramato dall’ospedale Spallanzani di Roma, conferma la positività al test del Coronavirus per la moglie, i due figli e la cognata del cittadino di Pomezia. Il nucleo familiare è sottoposto a sorveglianza sanitaria domiciliare da parte della Asl competente. A seguito di ciò, in via precauzionale e in attesa del completamento dell’indagine epidemiologica, sono state sospese le attività didattiche del liceo Pascal di Pomezia, frequentato da uno dei figli, e le lezioni del Corso di Laurea in Informatica della Università Sapienza di Roma, canale AL, frequentato dall’altro figlio.
Il Sindaco ha appena incontrato i dirigenti scolastici degli istituti di Pomezia per un confronto sulla situazione, ribadendo le indicazioni del Ministero e della Regione Lazio sulla prevenzione e sulla sanificazione delle aree. Il liceo Pascal rimane chiuso fino a nuova comunicazione.
La Asl sta ricostruendo tutti i contatti con il nucleo familiare interessato per eseguire il protocollo sanitario.

Si raccomanda di non creare allarmismo e di seguire le indicazioni fornite dalle autorità. Chiunque abbia fatto ingresso in Italia negli ultimi quattordici giorni dopo aver soggiornato in zone a rischio epidemiologico, come identificate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, ovvero nei Comuni italiani ove è stata dimostrata la trasmissione locale del virus (vedi elenco sotto), deve comunicare tale circostanza al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria territorialmente competente (vedi ordinanza Regione allegata).

Nella Regione Lombardia: a) Bertonico; b) Casalpusterlengo; c) Castelgerundo; d) Castiglione D'Adda; e) Codogno; f) Fombio; g) Maleo; h) San Fiorano; i) Somaglia; j) Terranova dei Passerini.

Nella Regione Veneto: a) Vo'

 
 
 
 

02-03-20Aggiornamento Coronavirus a Pomezia, la Regione Lazio conferma il link epidemiologico con la Regione Lombardia

Dichiarazioni dell’Assessore alla Sanità e l’Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio Alessio D’Amato sul caso del cittadino di Pomezia: "I Test eseguiti durante la notte presso l'istituto Spallanzani confermano la positività al COVID-19 di un poliziotto. Sono stati informati il Prefetto e il Questore. Ricostruiti tutti i contatti stretti e posti sotto sorveglianza sanitaria. Si conferma il link epidemiologico con la Regione Lombardia".

 
 

02-03-20 Coronavirus, chiusura del liceo Pascal in via precauzionale

Si comunica che è stato accertato un caso positivo al Coronavirus del padre di uno studente dell’istituto Pascal di Pomezia, attualmente ricoverato allo Spallanzani di Roma. Sono in corso gli accertamenti sui familiari. Si informa la cittadinanza che si sta predisponendo, in via precauzionale, la chiusura della scuola. Si raccomanda di evitare allarmismi. Seguiranno aggiornamenti.

 
 

02-03-20 Coronavirus, le nuove disposizioni della Presidenza del Consiglio dei Ministri

 

27-02-20Aggiornamento Coronavirus, il Sindaco di Pomezia attiva in via precauzionale il Centro Operativo Comunale (COC) di protezione civile  

Il Sindaco di Pomezia Adriano Zuccalà ha appena firmato l’ordinanza di attivazione, in via precauzionale, del Centro Operativo Comunale (COC) di protezione civile con l’obiettivo di monitorare la situazione sanitaria nel nostro territorio. Il provvedimento, predisposto su indicazione della protezione civile in coordinamento con Anci, è volto all’esigenza di ottimizzare le comunicazioni interistituzionali al fine di fornire una corretta informazione alla cittadinanza. Si informa che sono stati predisposti interventi straordinari di pulizia dei mezzi del trasporto pubblico locale. Si ricordano, come ribadito dall’ordinanza del Presidente della Regione Lazio di ieri 26/2/20, le misure per la profilassi e il trattamento dei soggetti che hanno soggiornato in Cina o nei Comuni italiani interessati dai focolai (elenco sotto):    

chiunque abbia fatto ingresso in Italia negli ultimi quattordici giorni dopo aver soggiornato in zone a rischio epidemiologico, come identificate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, ovvero nei Comuni italiani ove è stata dimostrata la trasmissione locale del virus (l’aggiornamento del quale potrà essere conosciuto attraverso il sito istituzionale del Ministero della salute e della Regione), deve comunicare tale circostanza al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria territorialmente competente (vedi ordinanza Regione allegata) che lo comunica al medico di medicina generale (“MMG”) ovvero pediatra di libera scelta (“PLS”) che assistono il soggetto.  

Al momento i Comuni interessanti da provvedimenti di ordinanza sono i seguenti:  

LOMBARDIA: Codogno; Castelgerundo; Castiglione d’Adda; Casalpusterlengo; Fombio; Maleo; Somaglia; Bertonico; Terranova dei Passerini; San Fiorano.  
VENETO: Vo’ Euganeo (PD) 

Si segnala inoltre che gli ospedali di Schiavonia di Monselice per la Bassa Padovana e l’ospedale di   Mirano di Dolo sono le strutture dove sono stati ricoverati i casi.

Numero Ministero della Salute 1500 
Numero Unico dell’Emergenza 112  
Numero verde 800.118.800
    

Si raccomanda l'affissione in tutti i luoghi pubblici ed esercizi commerciali le informazioni sulle misure di prevenzione (vedi allegato)

27-02-20Aggiornamento Coronavirus, il Sindaco di Pomezia attiva in via precauzionale il Centro Operativo Comunale (COC) di protezione civile  

Il Sindaco di Pomezia Adriano Zuccalà ha appena firmato l’ordinanza di attivazione, in via precauzionale, del Centro Operativo Comunale (COC) di protezione civile con l’obiettivo di monitorare la situazione sanitaria nel nostro territorio. Il provvedimento, predisposto su indicazione della protezione civile in coordinamento con Anci, è volto all’esigenza di ottimizzare le comunicazioni interistituzionali al fine di fornire una corretta informazione alla cittadinanza. Si informa che sono stati predisposti interventi straordinari di pulizia dei mezzi del trasporto pubblico locale. Si ricordano, come ribadito dall’ordinanza del Presidente della Regione Lazio di ieri 26/2/20, le misure per la profilassi e il trattamento dei soggetti che hanno soggiornato in Cina o nei Comuni italiani interessati dai focolai (elenco sotto):    

chiunque abbia fatto ingresso in Italia negli ultimi quattordici giorni dopo aver soggiornato in zone a rischio epidemiologico, come identificate dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, ovvero nei Comuni italiani ove è stata dimostrata la trasmissione locale del virus (l’aggiornamento del quale potrà essere conosciuto attraverso il sito istituzionale del Ministero della salute e della Regione), deve comunicare tale circostanza al Dipartimento di prevenzione dell’azienda sanitaria territorialmente competente (vedi ordinanza Regione allegata) che lo comunica al medico di medicina generale (“MMG”) ovvero pediatra di libera scelta (“PLS”) che assistono il soggetto.  

Al momento i Comuni interessanti da provvedimenti di ordinanza sono i seguenti:  

LOMBARDIA: Codogno; Castelgerundo; Castiglione d’Adda; Casalpusterlengo; Fombio; Maleo; Somaglia; Bertonico; Terranova dei Passerini; San Fiorano.  
VENETO: Vo’ Euganeo (PD) 

Si segnala inoltre che gli ospedali di Schiavonia di Monselice per la Bassa Padovana e l’ospedale di   Mirano di Dolo sono le strutture dove sono stati ricoverati i casi.

Numero Ministero della Salute 1500 
Numero Unico dell’Emergenza 112  
Numero verde 800.118.800
    

Si raccomanda l'affissione in tutti i luoghi pubblici ed esercizi commerciali le informazioni sulle misure di prevenzione (vedi allegato)

 

26-02-20 Aggiornamento Coronavirus, chiamare i numeri verdi regionali solo in caso di necessità

 

Istituzioni nazionali e locali lavorano senza sosta per fronteggiare l'emergenza coronavirus . La collaborazione dei cittadini è fondamentale per rendere efficaci le misure adottate. Chiama i numeri verdi regionali solo in caso di necessità ⤵️ http://bit.ly/numeriverdi-coronavirus

 



 

25-02-20 Aggiornamento Coronavirus, riunione con Prefetto di Roma e Sindaci dell’area Metropolitana: “Nessuna misura straordinaria, seguire protocollo ministeriale e Asl”
Si è svolta questa mattina una riunione con il Prefetto di Roma e i 121 amministratori dell’area Metropolitana capitolina per discutere di misure su prevenzione e gestione dell’emergenza da Coronavirus. Dall’incontro è emerso che non ci sono misure straordinarie da adottare: tutti gli eventi pubblici potranno svolgersi regolarmente, scuole e uffici pubblici rimarranno aperti.

Unica cautela da adottare per i cittadini che per qualsiasi motivo siano stati nelle aree interessate dal contagio (elenco di seguito), mettersi in contatto con la Asl di competenza attraverso il numero dedicato 1500. Sarà in quel caso la Asl a fornire tutte le informazioni e indicazioni utili, come da protocollo ministeriale.

“Durante la riunione di questa mattina – ha commentato il Sindaco Adriano Zuccalà che ha partecipato all’incontro – è stato fatto il punto sulla situazione. In questo momento così delicato è necessario evitare allarmismi e seguire il decalogo del Ministero della Salute sui comportamenti da seguire. Invito chiunque sia stato nei comuni interessati dalle misure urgenti a contattare la Asl. Non abbassiamo la guardia e siamo in contatto costante con le autorità sanitarie competenti”.

Comuni interessati dalle misure urgenti di contenimento del contagio (Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 23 febbraio 2020 - misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell'emergenza epidemiologica da COVID-19)

Nella Regione Lombardia:
a) Bertonico;
b) Casalpusterlengo;
c) Castelgerundo;
d) Castiglione D'Adda;
e) Codogno;
f) Fombio;
g) Maleo;
h) San Fiorano;
i) Somaglia;
j) Terranova dei Passerini.

Nella Regione Veneto:
a) Vo'

25-02-20Aggiornamento Coronavirus, dalla Regione invito ad arginare le fake news: “Nel Lazio non ci sono casi di infezione autoctoni”. Confermata manifestazione di Carnevale a Pomezia
Le notizie che stanno circolando riguardo alla presunta chiusura delle scuole e al divieto di manifestazioni pubbliche nel Lazio sono completamente prive di fondamento.  Lo rende noto la Regione Lazio invitando tutti “ad arginare fake news che alimentano solo insicurezza nella popolazione. Ribadiamo con forza che nella nostra Regione non è stato segnalato alcun caso di infezione da Coronavirus autoctono e che i casi individuati sono stati 3 in totale, di cui un paziente guarito e uno ormai negativo”.  Il Comune di Pomezia è in costante contatto con le autorità sanitarie competenti che stanno monitorando la situazione di contagio relativa al Coronavirus. Resta confermata la manifestazione del Carnevale pometino, in programma per oggi a partire dalle ore 15.00 con la sfilata dei carri allegorici e dei gruppi mascherati che partiranno da via Roma (altezza Unicredit) per raggiungere piazza Indipendenza.

24-02-20 Aggiornamento Coronavirus,negativa la donna di Pomezia ricoverata questa notte in clinica ad Aprilia
Test di ricerca del nuovo coronavirus negativo per la donna di Pomezia ricoverata questa notte alla clinica ‘Città di Aprilia’ e poi trasferita al Pronto soccorso. La conferma arriva dal bollettino medico emanato dall’Istituto Spallanzani di Roma.  Il Comune di Pomezia, in sinergia con le altre autorità preposte, continua a monitorare costantemente la situazione.

24-02-20 Coronavirus, il Comune di Pomezia in costante contatto con le autorità sanitarie. Il Sindaco: “Evitare allarmismi”
Il Comune di Pomezia è in costante contatto con le autorità sanitarie competenti che stanno monitorando la situazione di contagio relativa al Coronavirus.  “Seguiamo gli aggiornamenti ministeriali e del comitato operativo della Protezione civile – spiega il Sindaco Adriano Zuccalà – La situazione è delicata ma è importante evitare ogni tipo di allarmismo. Invito la cittadinanza a seguire le indicazioni relative alla prevenzione e ad informarsi tramite i canali ufficiali”.

LA REGIONE LAZIO HA ATTIVATO TUTTE LE MISURE PER LA SICUREZZA

 

Lavati spesso le mani.Il lavaggio e la disinfezione delle mani sono decisivi per prevenire l’infezione. Le mani vanno lavate con acqua e sapone per almeno 20 secondi. Se non sono disponibili acqua e sapone, è possibile utilizzare anche un disinfettante per mani a base di alcol al 60%. Lavarsi le mani elimina il virus.
Evita il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute.Mantieni almeno un metro di distanza dalle altre persone, in particolare quando tossiscono o starnutiscono o hanno la febbre, perché il virus è contenuto nelle goccioline di saliva e può essere trasmesso a distanza ravvicinata.
Non toccarti occhi, naso e bocca con le mani.Il virus si trasmette principalmente per via respiratoria, ma può entrare nel corpo anche attraverso gli occhi, il naso e la bocca, quindi evita di toccarli con le mani non ben lavate. Le mani, infatti, possono venire a contatto con superfici contaminate dal virus e trasmetterlo al tuo corpo.
Copri bocca e naso se starnutisci o tossisci. Se hai un’infezione respiratoria acuta, evita contatti ravvicinati con le altre persone, tossisci all’interno del gomito o di un fazzoletto, preferibilmente monouso, indossa una mascherina e lavati le mani. Se ti copri la bocca con le mani potresti contaminare oggetti o persone con cui vieni a contatto.
Non prendere farmaci antivirali né antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico. Allo stato attuale non ci sono evidenze scientifiche che l’uso dei farmaci antivirali prevenga l’infezione da nuovo coronavirus (SARS-CoV-2). Gli antibiotici non funzionano contro i virus, ma solo contro i batteri. Il SARS-CoV-2 è, per l’appunto, un virus e quindi gli antibiotici non vengono utilizzati come mezzo di prevenzione o trattamento, a meno che non subentrino co-infezioni batteriche.
Pulisci le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol.I disinfettanti chimici che possono uccidere il nuovo coronavirus (SARS-CoV-2) sulle superfici includono disinfettanti a base di candeggina / cloro, solventi, etanolo al 75%, acido peracetico e cloroformio. Il tuo medico e il tuo farmacista sapranno consigliarti.
Usa la mascherina solo se sospetti di essere malato o assisti persone malate. L’Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda di indossare una mascherina solo se sospetti di aver contratto il nuovo coronavirus, e presenti sintomi quali tosse o starnuti, o se ti prendi cura di una persona con sospetta infezione da nuovo coronavirus (viaggio recente in Cina e sintomi respiratori). L’uso della Mascherina aiuta a limitare la diffusione del virus, ma deve essere adottata in aggiunta ad altre misure di igiene quali il lavaggio accurato delle mani per almeno 20 secondi. Non è utile indossare più mascherine sovrapposte.
Iprodotti MADE IN CHINA e i pacchi ricevuti dalla Cina non sono pericolosi.L’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato che le persone che ricevono pacchi dalla Cina non sono a rischio di contrarre il nuovo coronavirus, perché non è in grado di sopravvivere a lungo sulle superfici. A tutt’oggi non abbiamo alcuna evidenza che oggetti, prodotti in Cina o altrove, possano trasmettere il nuovo coronavirus (SARS-CoV-2).
Chiama i numeri disponibili, non andare inutilmente al Pronto Soccorso.Se hai febbre, tosse, dolori muscolari e sei stato in una zona interessata al focolaio, o sei entrato in contatto con persone provenienti da quelle zone, consulta al telefono il tuo medico di base oppure chiama il numero verde 1500 del Ministero della Salute per avere informazioni su cosa fare. Se hai il prefisso telefonico 06 puoi chiamare anche il 112. Per tutti gli altri prefissi del Lazio chiama il numero verde 800 118 800.
Gli animali da compagnia non diffondono il nuovo coronavirus.Al momento, non ci sono prove che animali da compagnia come cani e gatti possano essere infettati dal virus.  Tuttavia, è sempre bene lavarsi le mani con acqua e sapone dopo il contatto con gli animali da compagnia.


 

 

Fonti ufficiali


 


Ultimo Aggiornamento: 03 Giugno 2020

COMUNE DI POMEZIA
Piazza Indipendenza, 8 - 00071 Pomezia RM
P.I. 01040151001 - C.F. 02298490588
Tel. 06 911461 - Fax 06 91146529 - protocollo@pec.comune.pomezia.rm.it