1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
testata per la stampa della pagina

Cos'è il CyberBullismo

 
 

Per cyberbullismo si intendono un insieme di azioni aggressive di una singola persona o di un gruppo, realizzate mediante strumenti elettronici (sms, foto, video, email, chat, siti web, telefonate..) con l’obiettivo di provocare danni a un coetaneo incapace di difendersi.

 

Aspetti del cyberbullismo

 

DOVE:Il cyberbullo può raggiungere le sue vittime in qualsiasi momento e in qualsiasi luogo.
QUANDO: Il materiale pubblicato su Internet può rimanere on-line disponibile per molto tempo.
COME: Il cyberbullo non vede le reazioni della sua vittima, quindi non è mai totalmente consapevole del danno che provoca. Questo fa sì che sia più disinvolto e meno controllato nelle azioni che compie.
A CHI: Le persone che assistono a episodi di cyberbullismo possono essere illimitate. La diffusione è incontrollabile.
QUANTO: L’episodio di cyberbullismo può replicarsi all’infinito.
E GLI ADULTI? I ragazzi ritengono che gli adulti non riescano a capire davvero quanto sia grande e potente il fenomeno online.

 

Vocabolario del cyberbullismo

 

FLAMMING: L’invio di messaggi violenti e volgari, allo scopo di suscitare conflitti verbali all’interno della rete fra due o più utenti. Vocabolario del cyberbullismo
HARASSMENT: Molestie tramite canali di comunicazione di massa con azioni, parole e comportamenti persistenti e indirizzati verso una singola persona, che causano disagio emotivo e psichico.
CYBERSTALKING:Tutti quei comportamenti che, mediante l’uso delle nuove tecnologie, sono attuati per perseguitare le vittime allo scopo di infastidirle e molestarle a tal punto da non farle sentire più al sicuro neanche tra le mura domestiche.
DENIGRATION: Divulgazione in rete o tramite sms di notizie false o dispregiative, allo scopo di danneggiare la reputazione o le amicizie di colui che viene preso di mira.
IMPERSONATION:Il persecutore si appropria dell’identità virtuale della vittima e compie una serie di azioni che la porranno in difficoltà e imbarazzo.
TRICY O OUTING:Intenzionalità di ingannare la vittima. In questo caso il cyberbullo si guadagna prima la sua fiducia, reperendo confidenze private e materiale personale, poi lo diffonde al fine di danneggiarne la reputazione sociale.
EXCLUSION: Escludere intenzionalmente un altro utente, dal gruppo di amici, dalla chat o da un gioco interattivo. L’ostracismo on-line può essere perseguito facilmente attraverso i social network che sono divenuti il luogo ideale per queste forme di sabotaggio sociale
HAPPING SHAPPING (schiaffo allegro): Diffusione del video dove la vittima è ripresa mentre subisce violenza psichica e fisica.

 

Attori del fenomeno del cyberbullismo

 
 


COMUNE DI POMEZIA
Piazza Indipendenza, 8 - 00071 Pomezia RM
P.I. 01040151001 - C.F. 02298490588
Tel. 06 911461 - Fax 06 91146529 - protocollo@pec.comune.pomezia.rm.it