1. Inizio pagina
  2. Contenuto della pagina
  3. Menu principale
  4. Menu di Sezione
testata per la stampa della pagina

GENNAIO

14-01-20 Emergenza Coronavirus, approvato il nuovo decreto-legge del 13 gennaio

Il Consiglio dei Ministri, su proposta del Presidente Giuseppe Conte e del Ministro della salute Roberto Speranza, ha approvato un decreto-legge che introduce ulteriori disposizioni urgenti per il contenimento della diffusione del COVID-19.

Il testo proroga, al 30 aprile 2021, il termine entro il quale potranno essere adottate o reiterate le misure finalizzate alla prevenzione del contagio ai sensi dei decreti-legge n. 19 e 33 del 2020.

Il decreto conferma, fino al 15 febbraio 2021, il divieto già in vigore di ogni spostamento tra Regioni o Province autonome diverse, con l’eccezione di quelli motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. È comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione.


Inoltre, dal 16 gennaio 2021 e fino al 5 marzo 2021, sull’intero territorio nazionale si applicano le seguenti misure:

- è consentito, una sola volta al giorno, spostarsi verso un’altra abitazione privata abitata, tra le 5.00 e le ore 22.00, a un massimo di due persone ulteriori a quelle già conviventi nell’abitazione di destinazione. La persona o le due persone che si spostano potranno comunque portare con sé i figli minori di 14 anni (o altri minori di 14 anni sui quali le stesse persone esercitino la potestà genitoriale) e le persone disabili o non autosufficienti che con loro convivono. Tale spostamento può avvenire all’interno della stessa Regione, in area gialla, e all’interno dello stesso Comune, in area arancione e in area rossa, fatto salvo quanto previsto per gli spostamenti dai Comuni fino a 5.000 abitanti;
- qualora la mobilità sia limitata all’ambito territoriale comunale, sono comunque consentiti gli spostamenti dai comuni con popolazione non superiore a 5.000 abitanti e per una distanza non superiore a 30 chilometri dai relativi confini, con esclusione in ogni caso degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia;
- è istituita una cosiddetta area “bianca”, nella quale si collocano le Regioni con uno scenario di “tipo 1”, un livello di rischio “basso” e una incidenza dei contagi, per tre settimane consecutive, inferiore a 50 casi ogni 100.000 abitanti. In area “bianca” non si applicano le misure restrittive previste dai decreti del Presidente del Consiglio dei ministri (DPCM) per le aree gialle, arancioni e rosse ma le attività si svolgono secondo specifici protocolli. Nelle medesime aree possono comunque essere adottate, con DPCM, specifiche misure restrittive in relazione a determinate attività particolarmente rilevanti dal punto di vista epidemiologico.

In considerazione della necessità di agevolare l’attuazione del piano vaccinale per la prevenzione del contagio da COVID-19, in coerenza con le vigenti disposizioni europee e nazionali in materia di protezione dei dati personali, è istituita, una piattaforma informativa nazionale idonea ad agevolare, sulla base dei fabbisogni rilevati, le attività di distribuzione sul territorio nazionale delle dosi vaccinali, dei dispositivi e degli altri materiali di supporto alla somministrazione, e il relativo tracciamento. Inoltre, su istanza della Regione o Provincia autonoma interessata, la piattaforma nazionale esegue, in sussidiarietà, le operazioni di prenotazione delle vaccinazioni, di registrazione delle somministrazioni dei vaccini e di certificazione delle stesse, nonché le operazioni di trasmissione dei dati al Ministero della salute.

Sul sito del Governo è possibile visualizzare le FAQ, relative alle disposizioni settoriali delle tre aree (area gialla, area arancione, area rossa): http://bit.ly/3nMRYtj


12-01-21
Emergenza Coronavirus a Pomezia, salgono a400i casi positivi al Covid-19. I cittadini guariti raggiungono quota 1.315

Salgono a 400 i cittadini attualmente positivi al Covid-19 nel Comune di Pomezia, di cui 19 ricoverati presso strutture ospedaliere e 381 in isolamento domiciliare. Salgono ancora i guariti, che raggiungono quota 1.315. Sono 16 le persone poste in isolamento domiciliare preventivo (non positivi).



11-01-21
Emergenza Coronavirus, Lazio in zona GIALLA. Le misure in vigore fino al 15 gennaio

Con ordinanza del Ministro della Salute torna da oggi la ripartizione delle Regioni in aree gialla, arancione e rossa.

Il Lazio si colloca nell'area GIALLA. Di seguito le principali misure in vigore fino a venerdì 15 gennaio:

- Ristoranti e bar aperti fino alle ore 18.00. Possibilità di asporto fino alle ore 22.00 e consegna a domicilio senza limiti di orario.

- Negozi e altre attività commerciali aperti, anche all'interno dei centri commerciali.

- Coprifuoco dalle ore 22.00 alle ore 5.00 del mattino, salvo comprovati motivi di lavoro, necessità e salute.

- Tra le ore 5.00 e le 22.00, sarà possibile spostarsi liberamente all’interno della propria Regione, quindi anche fare visita a parenti o amici nella stessa Regione. Non sono previsti limiti al numero degli spostamenti o delle persone che si spostano.

- Dal 7 al 15 gennaio 2021 è vietato, su tutto il territorio nazionale, di spostarsi tra Regioni o Province Autonome diverse, tranne che per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute.

- Resta sempre consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione, con esclusione degli spostamenti verso le seconde case ubicate in altra regione o provincia autonoma.

- L’attività didattica ed educativa per i servizi educativi per l’infanzia, per la scuola dell’infanzia e per il primo ciclo di istruzione (primarie e medie) continua a svolgersi integralmente in presenza.

- Per le scuole superiori la didattica sarà a distanza fino al 18 gennaio.


08-01-21 Emergenza Coronavirus, Regione Lazio: 100% didattica a distanza per scuole superiori fino al 18 gennaio

Il Presidente della Regione Lazio firmerà oggi un'ordinanza per posticipare al 18 gennaio l'apertura in presenza delle scuole secondarie di II grado. Fino a quella data continuerà ad essere attiva la didattica a distanza per gli studenti delle scuole superiori.

Le università proseguiranno con la didattica a distanza, come previsto dal Dpcm nazionale.

Si ricorda altresì che la Regione offre ai ragazzi dai 14 ai 18 anni, senza prescrizione medica, e al personale scolastico, munito di prescrizione, la possibilità di effettuare un tampone rapido.


05-01-21 Emergenza Coronavirus, nuovo decreto legge del Governo: didattica in presenza al 50% per le scuole secondarie di II grado da lunedì 11

Il Consiglio dei Ministri ha approvato un decreto legge che introduce ulteriori disposizioni urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da Covid-19.

Il testo interviene sull’organizzazione dell’attività didattica nelle istituzioni scolastiche secondarie di secondo grado, con la previsione della ripresa dell’attività in presenza, per il 50% degli studenti, a partire dal prossimo 11 gennaio.

Il testo prevede inoltre:

•    per il periodo compreso tra il 7 e il 15 gennaio 2021, il divieto, su tutto il territorio nazionale, di spostarsi tra regioni o province autonome diverse, tranne che per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. È comunque consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione, con esclusione degli spostamenti verso le seconde case ubicate in altra regione o provincia autonoma;
•    nei giorni 9 e 10 gennaio 2021, l’applicazione, su tutto il territorio nazionale, delle misure previste per la cosiddetta “zona arancione” (articolo 2 del DPCM 3 dicembre 2020). Saranno comunque consentiti, negli stessi giorni, gli spostamenti dai Comuni con popolazione fino a 5.000 abitanti, entro 30 chilometri dai relativi confini, con esclusione degli spostamenti verso i capoluoghi di provincia.

Seguiranno aggiornamenti.


05-01-21 Emergenza Coronavirus a Pomezia, salgono a 333 i casi positivi al Covid-19. I cittadini guariti raggiungono quota 1.235. Il cordoglio dell'Amministrazione per un cittadino deceduto

Salgono a 333 i cittadini attualmente positivi al Covid-19 nel Comune di Pomezia, di cui 20 ricoverati presso strutture ospedaliere e 313 in isolamento domiciliare.

Salgono ancora i guariti, che raggiungono quota 1.235. Sono 23 le persone poste in isolamento domiciliare preventivo (non positivi).

Pervenuta la notizia della scomparsa di un concittadino di 82 anni, ricoverato presso la Clinica Sant’Anna: “L'Amministrazione comunale e la Città tutta – commenta il Sindaco Adriano Zuccalà – si stringono attorno alla famiglia e agli amici del nostro concittadino scomparso”. Da inizio pandemia sono 16 le morti per Covid-19 nel Comune.


04-01-21 Emergenza Coronavirus, Regione Lazio: al via da domani test rapidi per studenti dai 14 ai 18 anni

In vista della ripresa dell'attività scolastica, la Regione Lazio offre ai ragazzi dai 14 ai 18 anni che il prossimo 7 gennaio torneranno in aula, la possibilità di effettuare un tampone rapido per il Covid-19 da domani fino al 31 gennaio 2021.

Per prenotare il test rapido è sufficiente munirsi di codice fiscale (senza richiesta del medico curante). Per la ASL RM6, è possibile scegliere tra i seguenti drive-in:
- Albano laziale studenti screening rapido
- Anzio studenti screening rapido
 
Clicca qui per la prenotazione, attiva da domani: https://coronavirus.aslroma6.it/covid19/drivein.jsf




COMUNE DI POMEZIA
Piazza Indipendenza, 8 - 00071 Pomezia RM
P.I. 01040151001 - C.F. 02298490588
Tel. 06 911461 - Fax 06 91146529 - protocollo@pec.comune.pomezia.rm.it